SERIE C1 - 24/03/2020

Trentino Alto Adige, Rinaldi e Cima uniti per trovare una soluzione percorribile

I responsabili dei Comitati Autonomi di Trento e Bolzano alle prese con la "grana" del completamento della stagione. Due i problemi primari: le numerose giornate ancora da giocare e la concorrenza degli sport indoor per l'uso degli impianti. E la crisi è in agguato...

Due comitati provinciali autonomi ma uniti sotto l’unico tetto del campionato di Serie C1 maschile, che abbracciando l’intero territorio regionale permette questo interscambio sportivo tra i territori del Trentino e dell’Alto Adige. Complessivamente sono sedici le squadre che compongono la categoria di punta, con il Bolzano Piani fuori classifica, per un campionato che al momento dell’interruzione legata all’esplosione del problema-Coronavirus aveva appena superato la boa dei due terzi del suo percorso.

Dieci, dunque, le giornate rimaste da giocare: un’eternità alla luce delle tempistiche che si profilano all’orizzonte e che avvolgono nel dubbio la disputa dell’ultima parte del ”regular season”. Un problema avvertito da ambedue i responsabili degli uffici federali di Trento e Bolzano.

Per il responsabile del Comitato Provinciale Autonomo di Trento, Marco Rinaldi, la data del 3 aprile non sembra quella più propizia per tornare in campo.

”La cosa più importante - esordisce Rinaldi - al momento è che possa finire al meglio l’attuale situazione che ci vede in piena emergenza sanitaria. Non è facile prevedere quando sarà possibile rientrare in attività, ma nelle migliori delle ipotesi sarà sicuramente dopo Pasqua. Abbiamo campionati con varie scadenze e, giocando in palestra, dobbiamo anche pensare che la concorrenza di sport che si svolgono indoor è piuttosto nutrita per poter stilare un calendario percorribile”.

Sulle soluzioni da intraprendere, Rinaldi prende ovviamente tempo anche perché sarà una decisione da prendere assieme al resto del calcio trentino e nazionale.

”Non essendoci regole scritte, per questo motivo sarà da decidere la soluzione assieme al Consiglio Direttivo del nostro comitato. Io ho già pensato a qualche ipotesi, ma ovviamente non posso ancora illustrarla perché bisognerà conoscere il tempo a disposizione e soprattutto dovrò parlarne prima in sede federale”

Anche Massimo Cima, responsabile del calcio a cinque nel Comitato Autonomo di Bolzano non è troppo fiducioso per un rientro in campo nelle date indicate e guarda più avanti, ma senza troppa convinzione.

”La ripresa al 3 aprile - afferma Cima - che è una data ormai vicina, penso che sia solo un’utopia. La situazione attuale, nell’emergenza sanitaria in cui viviamo, fa certamente slittare la ripresa ad una scadenza ulteriormente futura e credo ancora non ipotizzabile”.

Proprio ragionando su questa base ecco il pensiero di Cima su come si potrà finire la stagione.

”A mio parere credo che sia impossibile completare la stagione entro il 30 giugno. Per le soluzioni a livello regionale sono dell’idea che si deve annullare il tutto per ripartire la prossima stagione senza titoli assegnati per quella corrente. Per quanto riguarda le società di Bolzano è mia intenzione dare il maggior aiuto possibile per facilitare anche le prossime iscrizioni, perché si va verso una crisi anche economica che, ovviamente, coinvolgerà anche lo sport dilettantistico e la sopravvivenza di molti sodalizi”

c.c.

 

Nella foto: Massimo Cima (a sinistra), responsabile del C.P.A. di Bolzano assieme a Marco Rinaldi, responsabile del C.P.A. di Trento

 

 

Regioni già pubblicate: Calabria, Emilia Romagna, Basilicata, Veneto, Lazio, Sicilia, Umbria, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia e Puglia


  VARIE - 31/03/2020
Sibilia, ecco il piano: "Agevolazioni per gli impianti e riduzione degli oneri"

Il presidente della LND lancia le sue proposte: "Chiederemo a comuni ed enti di migliorare la fruibilità delle strutture o dare contributi per fronteggiare i danni. Il Governo deve modificare la legge Melandri affinchè i fondi possano andare a favore anche dei dilettanti"

[...]
  GIOVANILI - 02/04/2020
Calcio Padova, un esperimento da Special One: l'Under 19 a lezione da Colini

Giornata speciale per i ragazzi allenati da Belviso, che hanno vissuto l'esperienza del contatto con il grande futsal grazie all'allenatore dell'Italservice campione d'Italia. "Ho riscontrato interesse da parte dei partecipanti, la prossima settimana ripeterò [...]

area rosa
  SERIE A2 - 24/03/2020
Che ne sarà della stagione? Mosna: "Con ottimismo si riparte a maggio"

Il presidente del Trilacum analizza la situazione calendario alla mano: "L'ipotesi possibile è concludere la 'regular season', ma niente playoff e playout. Ma anche così alle società verranno richiesti sforzi importanti"

  VARIE - 01/04/2020
Ruzza al popolo dei dilettanti del Veneto: "Non ci sono i tempi per concludere"

Il presidente del Comitato Regionale invoca una soluzione "univoca e unanime" a livello nazionale, che deve arrivare direttamente dal Governo. "Un provvedimento tombale che decida tutto". Futuro tutto da scrivere: "Aiuteremo le società al momento delle iscrizioni"

[...]
  SERIE B - 26/03/2020
Il Sedico li ha "liberati": Storti, Dos Santos, Vitinho e Pitondo tornano a casa

La dirigenza della Giorik alla fine ha optato per la questione umana ed ha concesso ai suoi quattro brasiliani di far rientro nel proprio Paese, rinunciando di fatto a giocarsi la promozione qualora ripartisse il campionato. Undici gli effettivi disponibili per De Francesch

[...]
altre notizie
   SERIE C1 - 10/01/2020
   SERIE B - 29/11/2019
   SERIE U19 - 05/11/2019
   SERIE B - 01/08/2019
   SERIE B - 12/07/2019
   SERIE U19 - 11/07/2019
   SERIE B - 19/05/2019
   SERIE B - 09/05/2019
   SERIE B - 23/03/2019
   GIOVANILI - 20/03/2019
   SERIE B - 16/03/2019
   SERIE B - 22/02/2019
top news
>> LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
in collaborazione con Apri Collaborazioni