SERIE A2 - 04/04/2020

Atletico Cassano, Parrilla: "Salute prioritaria, torneremo più forti di prima"

"Mancando cinque partite alla fine, si potrebbero giocare in quindici giorni e magari disputare i play-off in gara secca - dice l'allenatore dei pugliesi. - Durante la stagione abbiamo sempre dimostrato un buon livello di gioco. Che vittorie contro Pescara e Rogit"

In attesa di capire se sarà portato o meno a conclusione anche il girone C di Serie A2, al pari di tutti gli altri campionati del nazionale e non, in casa Atletico Cassano si può tracciare un bilancio (aggiornato al mese di febbraio di fatto) nel quale il dato che emerge è che la compagine di Pablo Parrilla non sia riuscita ad esprimere in toto il suo enorme potenziale. Certamente, nel girone di ritorno, risolti i problemi legati soprattutto agli infortuni, i ”pellicani” hanno iniziato a fare la voce grossa e fino a prima della pausa erano reduci da un ottimo momento di forma, come testimoniano le tre vittorie ottenute consecutivamente con Cataforio, Cus Molise e Polistena.

”Considerando gli infortuni, posso dire che è stata una stagione positiva” conferma proprio mister Parrilla. ”Siamo arrivati abbastanza lontano in Coppa Italia (siamo stati eliminati da un gran Fuorigrotta) e in Coppa della Divisione (dove siamo stati sconfitti solo dall’Acqua&Sapone, dopo aver battuto un’altra squadra di Serie A, il Pescara). In campionato eravamo in un momento positivo e ancora in corsa per i play off, prima che ci fosse la sospensione”.

Una gran bella soddisfazione battere il Pescara, davanti al pubblico amico, peraltro a pochi giorni dalla gara che di fatto ha lasciato più rimpianti...
”Sì, insieme a quella vittoria credo che va aggiunto tra le gare più emozionati anche il successo ottenuto a pochi minuti dalla fine contro il Real Rogit. Anche contro l’Acqua&Sapone abbiamo fatto una grandissima partita, pur perdendo contro un avversario più forte. Comunque, durante la stagione abbiamo sempre dimostrato un buon livello di gioco. La partita che mi lascia più rimpianti è la gara d’andata contro il Cataforio”.

E oggi invece come sta vivendo questo particolare momento storico l’Atletico Cassano?
”La squadra sta vivendo la stessa situazione che sta vivendo ogni cittadino italiano. Aspettiamo in casa che torni tutto alla normalità. Qualche settimana fa quattro ragazzi sono tornati in Brasile. Vedendo l’evolversi della situazione è stata la scelta più opportuna. Nei primi giorni di sospensione abbiamo dato dei piani di allenamento ai ragazzi, quando era ancora possibile allenarsi all’aperto. Adesso, invece, quasi tutti i giocatori stanno facendo qualcosa in casa. Ci vuole un po’ di tempo e pazienza per far sì che tutto torni alla normalità, ma torneremo tutti più forti di prima”.

L’augurio del tecnico è di concludere comunque la stagione...
”Per me sarebbe positivo se si potesse finire il campionato. Ovvio, in questo momento la priorità è la salute di tutti. Poi bisognerà pensare a come andare avanti. Mancando cinque gare alla fine, si potrebbero giocare in quindici giorni e magari disputare i play-off in gara secca, ma queste sono decisioni che spettano alla Divisione Calcio a 5”.

(foto: Caiati)


altre notizie
18/03/2020
L'Atletico Cassano guarda avanti. Ruggiero: "Il nostro [>>]
17/03/2020
Effetto Coronavirus: stagione finita per Caio jr., [>>]
14/03/2020
Che ne sarà della stagione? Vitulli: "Questo campionato [>>]
05/03/2020
Atletico Cassano, Vitulli: "Decisione sconcertante! Eravamo [>>]
02/03/2020
Atletico Cassano Under 19 in trionfo: un successo nel [>>]
01/03/2020
Caio è la provvidenza, l'Atletico Cassano mata il [>>]
28/02/2020
Atletico Cassano, Dibenedetto ci crede: "E' ancora [>>]
>> LEGGI TUTTE