SERIE A2 - 24/10/2020

Il Giovinazzo ritrova il PalaPansini. Carlucci: "Il sesto uomo torna con noi"

La sfida odierna al CLN Cus Molise sarà, tuttavia, per pochi intimi: una cinquantina gli abbonati che avranno il privilegio di assistere al match contro i molisani. Il presidente non si scoraggia: "Andremo avanti fin quando sarà possibile, sempre con i nostri colori nel cuore"

Il Giovinazzo, reduce dal 4-4 esterno sul campo di Ortona contro la Tombesi, scalda i motori per l’esordio casalingo stagionale in quella Serie A2 ritrovata dopo un lungo decennio di relegamento in Serie B.

”L’abbiamo fortemente voluta”, sono le parole del raggiante ed euforico presidente Antonio Carlucci, con la sua squadra che questo pomeriggio alle ore 16, in un PalaPansini aperto solo agli abbonati, riceverà il Circolo La Nebbia Cus Molise, privo dello squalificato Barichello.

”Per realizzare grandi cose - dice il patron - non dobbiamo solo agire, ma anche sognare. Non solo pianificare, ma anche credere. Io dico che bisogna avere una grande società, che per me rappresenta davvero una famiglia, un valido staff tecnico e dei grandi atleti, avere la determinazione, avere una grande forza”.

Il PalaPansini sarà aperto solo agli abbonati (50 quelli che lo hanno già sottoscritto al costo di 50 euro, n.d.a.), in una struttura che potrà ospitare i tifosi in maniera ridotta, come prescritto dalle norme a contrasto della diffusione del Covid-19. Norme che impongono la presenza di pubblico al 15% rispetto alla capienza totale: appena 160 spettatori.

”Puntiamo ad un campionato dignitoso e ad una salvezza tranquilla - afferma Carlucci. - Certo, se qualcuno mi chiedesse come sarà il futsal, ai tempi del Covid-19, non so ancora dare una risposta: di sicuro sarà un’annata strana, nella quale all’improvviso si potrà giocare oppure non giocare, a seconda degli eventuali positivi al virus. Questo è un anno, stranamente, in cui il futuro non è così roseo e la linea del traguardo finale non si vede per nulla”.

Anche il Giovinazzo, come le altre società, vivrà alla giornata, dunque.

”Sì, non ci sono alternative, ci alleneremo giorno per giorno, giocheremo di settimana in settimana e passo dopo passo speriamo davvero di arrivare fino in fondo. Ho paura perché la curva dei contagi sale giorno dopo giorno e perché ho degli onori, ma anche degli oneri ed in questo momento solo il responsabile della salute dei miei ragazzi contro un virus che continua ad avanzare e a colpire dappertutto. Noi andremo avanti fin quando sarà possibile, sempre con i nostri colori nel cuore”.

Nicola Miccione - Ufficio Stampa Giovinazzo


altre notizie
28/11/2020
Giovinazzo, Gualtieri: "Speriamo di trovare regolarità: [...]
13/11/2020
Giovinazzo, l'obiettivo di Restaino: "Vinciamo per i [...]
11/11/2020
Giovinazzo, Restaino: "E' giunto il momento di cambiare [...]
08/11/2020
Al Giovinazzo non basta una buona partita: alla fine [...]
05/11/2020
Giovinazzo, Di Capua: "Approccio positivo. Col Manfredonia [...]
28/10/2020
Giovinazzo, delusione Piscitelli: "Dispiace molto di quanto [...]
25/10/2020
Il Giovinazzo crea, il Cus Molise concretizza: i pugliesi [...]
>> LEGGI TUTTE