SERIE A - 21/03/2020

Morlino a Padovasport: "Iniziamo a pensare alla Serie A della prossima stagione"

Opinioni divise tra chi vorrebbe portare a termine il campiono e chi, come il presidente del Petrarca, vorrebbe metterci il punto. E fa un esempio tornando al Dopoguerra, al quale la Divisione Calcio a 5 potrebbe ricollegarsi per organizzare l'annata ventura

”Mi pare che visto il momento l’ultimo dei pensieri sia quello della ripresa del campionato”.

Paolo Morlino, presidente dell’Italian Coffee Petrarca torna a ribattere sul chiodo fisso del momento: passata l’emergenza-Coronavirus, si tornerà in campo?

”Dico una cosa ovvia: saremmo tutti felicissimi di tornare a giocare - ribatte Morlino dalle colonne di Padovasport.tv - vorrebbe dire che questa situazione si è risolta, ma purtroppo quello che capiamo ogni ora di più è che la ripresa non sarà cosa veloce. In questo contesto appare un pò singolare star qui a pensare a come proseguire il campionato”.

Non è certo un segreto di stato (visto che qualche sprovveduto vuole far passare questo messaggio come se il resto del mondo non fosse a conoscenza di quello che accade nel futsal) che cinque società di Serie A - Italservice Pesaro, Acqua&Sapone, Real Rieti, Came Dosson e Sandro Abate, vale a dire le cinque squadre collocate ai primi cinque dell’attuale classifica - nella riunione in video-conferenza di giovedì 12 marzo si sono espresse a favore di portare al termine il campionato fino all’assegnazione dello scudetto. E anche Signor Prestito e CDM Genova hanno già assicurato la loro disponibilità per tornare regolarmente all’attività anche se con disposizioni ben precise.

Ma la verità è che c’è anche un’altra forte corrente di pensiero che va in direzione opposta: il futuro del campionato pare quindi in bilico.

”Il problema è di tutti gli sport, non solamente del calcio a cinque. La federazione più che ostinarsi nel voler concludere le competizioni, dovrebbero cominciare a ragionare su come riprendere la prossima stagione. Intendo dire che formule e format che sembravano consolidate tra qualche mese potrebbero non essere più così attuali”.

Morlino continua la sua disamina.

”Ricordo che nel calcio, ad esempio, il campionato di Serie A 1945-46, dopo la seconda guerra mondiale, non fu giocato a girone unico, per poi tornare a girone unico nella successiva annata. Faccio notare questo aspetto perchè mi pare che in ambito federale si diano troppe cose per scontate”.

In effetti la Federazione ha fatto di tutto per proseguire fino all’ultimo le competizioni.

”Si, credo che lo stop sia arrivato troppo tardi. Noi, per fare un esempio che ci riguarda da vicino, il 5 marzo stavamo per partire per Catania e siamo stati bloccati solo qualche ora prima della partenza. Al di là di questo, sento fare però troppi ragionamenti, anche dogmatici, sulla chiusura della stagione, Ripeto, si può anche non finire l’annata, comunque non la si deve finire per forza. Bisogna cominciare a pensare, invece, a come poter affrontare la prossima”.

E Morlino ha scritto la traccia...


altre notizie
19/03/2020
Morlino lo dice a chiare note: "Estremamente improbabile [>>]
07/03/2020
Morlino e lo stop: "Ho il sospetto che l'annata possa [>>]
05/03/2020
Petrarca, la missione salvezza riparte da Catania: [>>]
28/02/2020
Italian Coffee, Moretti in Croazia con la nazionale USA: [>>]
22/02/2020
Italian Coffee Petrarca, il cuore non basta: alla Gozzano [>>]
20/02/2020
Dudu Costa al Petrarca: "Dobbiamo essere ottimisti e [>>]
17/02/2020
Italian Coffee Petrarca, così non va: ripresa fatale [>>]
>> LEGGI TUTTE