COPPA ITALIA C - 22/03/2018

Il Bagheria si scioglie nella ripresa: l'avventura in coppa si chiude ai quarti

I nerazzurri disputano un grande primo tempo chiudendo la prima mezz'ora avanti per 1-0, ma nella seconda frazione la squadra perde l'intensità dei primi 30 minuti di partita, subendo così la rimonta dei pugliesi

Finisce ai quarti l’avventura del Bagheria Città delle Ville in Coppa Italia perdendo la sfida di ritorno contro le Aquile Molfetta per 5-1. Svanisce così il sogno di approdare alla Final Four. E’ stata una gara da due volti dove i nerazzurri hanno disputato un grande primo tempo chiudendo la prima mezz’ora per 0-1, ma nella ripresa la squadra ha perso lo stesso appeal dei primi 30 minuti di partita subendo così la pressione dei pugliesi.

Comincia il primo tempo e dopo 40 secondi Di Benedetto ha una ghiotta palla gol a porta sguarnita fallendo clamorosamente il possibile 1-0. I bagheresi tirano un sospiro di sollievo ma le Aquile Molfetta vogliono subito chiudere la pratica qualificazione e al quarto minuto scaldano le mani di Lo Piparo con un tiro insidioso dalla distanza di Bellaver. Il Bagheria non sta a guardare e qualche attimo dopo Cottone crossa in area per Cascino che tenta una sforbiciata che termina di pochissimo fuori. La gara cresce d’intensità e comincia a uscire fuori la formazione di mister Tripoli, al minuto 8 Cascino firma lo 0-1, Di Carlo approfitta di un errore di impostazione della formazione pugliese, appoggia per l’ex Real Cefalù che dal limite dell’area batte il portiere Stasi. Il gol dà grande carica ai nerazzurri che qualche istante dopo sfiorano il bis ancora con Di Carlo che stavolta imbecca Cottone, ma l’ex Akragas non trova la mira giusta. Le Aquile Molfetta sembrano stordite e provano a farsi rivedere dalle parti di Lo Piparo provando spesso e volentieri dei tiri dalla distanza con Barbolla che più volte crea grossi problemi alla difesa bagherese. Cala il ritmo della partita, il Bagheria sta amministrando in maniera perfetta il vantaggio. Al minuto 21 Giordano da solo in mezzo all’area viene ipnotizzato dal portiere pugliese che è bravo a bloccare il pallone, ma al minuto 23 arriva il colpo di scena: la squadra di mister Tripoli parte in contropiede verso l’area pugliese, Giordano serve Pisciotta completamente smarcato, il capitano nerazzurro colpisce il palo, sulla respinta ci riprova nuovamente, ma sulla linea di porta Di Benedetto salva lo 0-2 aiutandosi con un braccio, ma per il direttore di gara non è assolutamente calcio di rigore. Una decisione che lascia tutti perplessi perché ci sarebbe stata anche l’espulsione del numero 2 biancorosso. Il Bagheria però non si perde in chiacchiere e continua in tutti i modi a cercare il raddoppio, Stasi rischia la frittata nel tentativo di bloccare un pallone, per sua fortuna riesce a limitare i danni evitando guai peggiori. Allo scadere del primo tempo anche Lo Piparo però rischia l’errore su una bordata di Gonzalez, il portiere bagherese non riesce a bloccare bene il pallone che per poco stava per entrare in porta.

Nel secondo tempo aumenta la pressione della squadra di casa, Di Carlo stende al limite El Orabi ed è calcio di punizioni che batte Di Benedetto, sulla linea salva Cottone. I nerazzurri cercano di uscire dal guscio e torna a farsi rivedere Cascino che chiama alla gran parata Stasi. Al minuto 4 arriva il pareggio delle Aquile Molfetta su una gran palla di Teo che scarica dietro per la corrente El Orabi che dalla distanza batte Lo Piparo, ed è 1-1. E’ un gol che rivitalizza i pugliesi e qualche minuto calano il bis con una azione fotocopia del pareggio con il solito Teo a fare il duro lavoro, ma il marcatore stavolta è Di Benedetto, 2-1. I bagheresi perdono di lucidità e non sembrano gli stessi del primo tempo. La squadra di casa ne approfitta e con un azione di sfondamento dove la difesa nerazzurra non è stata perfetta, arriva il 3-1 targato Gonzalez. Il Bagheria prova a rialzarsi e Barbolla su una mischia rischia l’autogol, ma il palo gli evita la figuraccia. Al minuto 20 il tentativo di rimonta bagherese si complica con l’espulsione di Filippo Leto. Mister Tripoli si gioca la carta del portiere di movimento, ma Le Aquile Molfetta si difendono bene e in contropiede a porta vuota mettono il punto esclamativo con i gol prima di El Orabi e poi di Gonzalez che staccano il biglietto per la Final Four.

Manuel Busetta – Area Comunicazione ASD Bagheria Città delle Ville.


altre notizie
02/11/2018
Campobello, Caizza: "Bagheria in crisi? Non ci illudiamo" [...]
26/10/2018
La certezza di Messeri: "Affronteremo un Bagheria diverso [...]
22/10/2018
Stop esterno per il Bagheria, brutto ko contro la Nuova Pro [...]
18/10/2018
Nuova Pro Nissa, parla Milazzo: "Bagheria diretta [...]
12/10/2018
Il Bagheria in cerca un risultato positivo per dimenticare [...]
05/10/2018
Bagheria, il nuovo ostacolo in campionato è il Cus Palermo [...]
01/10/2018
Il Bagheria vince ancora, Ticali: "Ci siamo svegliati nella [...]
>> LEGGI TUTTE