SERIE C1 - 20/03/2020

Che ne sarà della stagione? Bragagnolo: "Il campionato può essere completato"

Il "deus ex machina" della Tiemme Grangiorgione apre uno spiraglio per garantire la conclusione regolare della stagione. "Anche ripartendo il 3 maggio, giocando due npartite a settimana, sarebbe possibile. Ma questo bollettino di morti non fa piacere a nessuno"

”E’ una situazione nella quale ci siamo ritrovati e dobbiamo adattarci, ascoltando ciò che ci dicono di fare, standocene a casa. Diventa pesante come situazione ma non c’è molto altro da fare”.

Thomas Bragagnolo, allenatore e ”deus ex machina” della Tiemme Grangiorgione, è frustrato per un’emergenza che è piombata tra capo e collo e che ha prodotto da subito un deciso intervento del governatorato del Veneto, teso a salvaguardare uno dei motori produttivi della Penisola. Però c’è una data che è vista come un nuovo inizio.

”Il 3 aprile? La vedo dura se non impossibile ricominciare, a meno che non accada il miracolo - ribatte deciso Bragagnolo. - I casi di contagio continuano a salire e ogni giorno si contano più di quattrocento decessi. Un tasso molto elevato e che potrebbe ancora crescere. Spero anche che al Sud Italia ascoltino ciò che viene detto, visto che anche al Meridione sta dilagando il virus visto l’esodo di tutte le persone che dal Nord che hanno fatto un disastro ancora più grande. E’ più logico attendersi che il campionato possa riprendere il 3 di maggio, stando almeno da quello che ho sentito in linee generali, compreso calcio di Serie A e Champions League”.

In base a quella tempistica ritieni che ci siano comunque i tempi per Portare a termine la stagione? O ritieni che permarranno delle difficoltà?

”Si dice che vogliono chiudere i campionati sul campo, ovviamente giocare a maggio-giugno si soffrirà moltissimo il caldo. Cosa logica sarebbe giocare due partite a settimana dal 3 di maggio, ad esempio venerdì e martedì, per dire, a seconda delle disponibilità dei palazzetti. In questo modo si potrebbe accorciare il campionato ad un mese e non portarlo oltre anche perché dopo ci sarebbero play-off e play-out che allungherebbero ulteriormente. Se non si attua una situazione del genere si rischia di andare a giocare a luglio e sarebbe impensabile”.

Con il rischio ulteriore che con le casse degli sponsor tendenti al rosso, i costi del prolungamento diventeranno un ulteriore aggravio?

”Dal mio punto di vista, intanto, bisogna capire i tanti investimenti delle società. Però, se il campionato si prolunga ancora, sarà molto più dispendioso, anche questo un qualcosa da non sottovalutare. In ogni caso ci affideremo alle decisioni che prenderà la Federazione in qualsiasi caso, non avendo molte altre alternative. Speriamo che tutto si risolva il prima possibile. Il tasso di mortalità si sta alzando giornalmente e questo non fa davvero piacere proprio a nessuno”.


altre notizie
28/02/2020
Momento magico per la Tiemme, Balaban: "Vogliamo arrivare [>>]
06/02/2020
Prosdocimi suona la carica: "Tiemme Grangiorgione, pensiamo [>>]
23/01/2020
Tiemme Grangiorgione alla prova del... Nove. Ayyoub: [>>]
16/01/2020
Tiemme, col Miane obiettivo tre punti. Bragagnolo: [>>]
10/01/2020
Dè stregato dal progetto Grangiorgione: "Tiemme, [>>]
29/11/2018
Il GranGiorgione al big-match. Gjata: "Scontro diretto. Col [>>]
>> LEGGI TUTTE