SERIE A - 04/04/2020

Una Italservice Pesaro da dieci e lode. Colini: "Difficile fare meglio di così"

L'allenatore dei campioni d'Italia: "Siamo arrivati tra le prime otto d'Europa, abbiamo vinto l'unico trofeo di questa stagione ed io la Panchina d'Oro, come risultato del lavoro di tutta la squadra. Il rimpianto più grande? Il pareggio con ElPozo ad Almaty"

La regina d’Italia, la squadra che tutti hanno provato a battere, ma che oggettivamente ha palesato una netta superiorità. L’Italservice Pesaro, campione d’Italia e capolista al momento della pausa, ha dovuto fermare la sua rincorsa per la riconferma del tricolore.

”Se non si dovesse riprendere considereremo l’Italservice Pesaro l’unica squadra che può chiudere con un bilancio in positivo. Siamo arrivati tra le prime otto d’Europa, traguardo importantissimo per la società, abbiamo vinto, a questo punto, l’unico trofeo di questa stagione in Italia, la supercoppa a settembre; ho vinto la panchina d’oro, ma come risultato del lavoro di tutta la squadra. A questo va aggiunto anche il titolo di campione d’inverno ed anche della regular-season considerando il primo posto al momento dell’interruzione, con quattro punti di distacco sulla seconda in classifica e sette sulla terza, contro le quali abbiamo anche il vantaggio degli scontri diretti”.

Colini prosegue...

”Una stagione quasi perfetta, stavamo crescendo ogni settimana sempre di più, ottenendo anche risultati clamorosi, tra cui la vittoria netta e secca contro squadre del calibro di Acqua&Sapone, Real Rieti ed aggiungo anche la Came Dosson. Era quasi un momento magico e ci preoccupavamo soltanto di controllare che non finisse. Meglio di così non potevamo giocare”.

Difficile se non impossibile trovare dei rimpianti nel torneo italiano, al contrario della Champions League dove la delusione è stata tanta...

”A duecento secondi dalla fine eravamo in vantaggio per 3-1 contro il Murcia in quella che potremmo definire al tempo stesso la partita più emozionante ma anche quella che ci ha lasciato i maggiori rimpianti. Il pareggio subito non ci è bastato per qualificarci alle Final Four della competizione continentale. Un grande rammarico davvero. In ogni caso non sono state da meno le emozioni vissute all’interno di un girone che si prospettava proibitivo alla vigilia e che iniziammo battendo per 5-1 il Benfica, una delle squadre più forti d’Europa. Anche quella vittoria, sicuramente, è motivo di orgoglio e di grande soddisfazione...”.

Mister, la squadra si sta allenando? Sarebbe pronta in caso dovesse riprendere a giocarsi?
”Per quanto possibile, e per quanto consente la legge, i ragazzi stanno lavorando a casa con un programma personalizzato dal professor Crespo, unitamente ad una dieta controllata per non andare fuori giri dal punto di vista del peso. Non sappiamo se ci sarà o meno una ripresa, ma laddove ci fosse, come per esempio dei play-off a rapido svolgimento, dovremo farci trovare pronti tanto di gambe quanto di testa”.


altre notizie
17/03/2020
Che ne sarà della stagione? Pizza: "Spero si possa [>>]
07/03/2020
Italservice, già quattro le gare da recuperare: "Non so [>>]
24/02/2020
Italservice, l'intervento del presidente Pizza: [>>]
23/02/2020
L'Italservice Pesaro non si ferma più: settebello [>>]
17/02/2020
Italservice show! Capolavoro al PalaPizza: [>>]
11/02/2020
Italservice a forza quattro! Latina superato a pieni voti, [>>]
10/02/2020
E' di nuovo tempo di #SerieATop16: l'Italservice [>>]
>> LEGGI TUTTE