#futsalmercato, un (doppio) sogno che può diventare realtà: Volonnino e Stigliano a Sala Consilina?

Il primo effetto della riforma sulle regole d’impiego dei calciatori “non formati” è stato il dirottamento, da parte di presidenti e addetti ai lavori, delle intenzioni di #futsalmercato sull’acquisizione dei giocatori “italiani” o “formati italiani” che le nuove disposizioni in vigore dal primo luglio introdurranno nel nostro futsal (al netto di provvedimenti correttivi o decisioni di organismi superiori attesi per i prossimi giorni: ne parleremo in un prossimo servizio). Chi ha pensato da subito a trovare le soluzioni più opportune per le proprie necessità tecniche è stato Giuseppe Detta, presidente dello Sporting Sala Consilina, che per prima cosa ha messo a posto le questioni inerenti i suoi “italiani” più gettonati (Carducci, Santoro e Zonta), dopo di che ha iniziato a scandagliare il mercato per cercare le pedine congrue ai programmi di gioco di Fabio Oliva.


CAMPANIA TERRA DI “CALCETTISTI” - Una ricerca, quella di Detta, in un certo senso semplificata dal fatto che la Campania, da sempre, ha dimostrato di essere fucina prima e grande serbatoio poi, di promesse e virtuosisti del futsal. E non è un caso che, a parte le squadre di punta del futsal regionale (una delle quali, la Feldi, contenderà all’Italservice lo scudetto 2021/2022), il resto è un bacino di giocatori di indiscussa qualità, tutti in cerca di un progetto che li possa valorizzare. Esattamente quello che propone lo Sporting Sala Consilina, che tra l’altro si sta costruendo la propria casa per puntare in maniera dichiarata a quella professionalità con la quale affrontare l’attività agonistica, dalla base fino alla sommità.


Un progetto che avrebbe suscitato grande interesse in due dei prospetti indigeni più apprezzati dell’ultima stagione di Serie A2, perchè sia Emanuele Volonnino (nella foto) che Raffaele Stigliano potrebbero pensare di trasferirsi nel Vallo di Diano attratti e motivati da un’opportunità che consentirebbe loro di realizzare l’obiettivo comune a tanti protagonisti delle scene minori. Radiomercato riferisce di alcune chiacchierate orientative: se produrranno effetti nel breve non sta solo che aspettare una comunicazione delle parti interessate.