breaking news

13/06/2022 17:27

#weareukraine, Bologna apre le porte alla Nazionale ucraina. Bergamini: ''Felici di contribuire''

Un modo per abbracciare le ragazze dell'Ucraina e far dimenticare loro la guerra, almeno per qualche giorno, mentre fanno quello che più amano: giocare a futsal. È questo l'intento che ha mosso la Divisione Calcio a 5 ad organizzare una settimana  "speciale" per la Nazionale di futsal femminile dell'Ucraina, impegnata dal 10 al 17 giugno a Bologna per preparare le Final Four degli Europei 2022, in programma dall'1 al 3 luglio a Pavilhão Multiusos de Gondomar (Oporto), in Portogallo. L'avversario sarà la Spagna, mentre nell'altra semifinale l'Ungheria affronterà le padrone di casa lusitane. 

 

Giunte a Bologna venerdì 10 mattina a bordo del pullman della Figc, le giocatrici e lo staff della Nazionale ucraina alloggeranno all'Hotel Continental di Zola Predosa fino a venerdì 17 per poi volare alla volta di Parigi, ospiti della Federazione francese. Le doppie sedute di allenamento giornaliero, cominciate sin dal primo giorno, si terranno tutte nella Palestra Moratello, in via degli Orti, tirata a lucido per l'occasione. Se è vero che l'ospitalità della Nazionale ucraina femminile è stata richiesta espressamente dall'UEFA a tutte le Federazioni europee per permettere una migliore organizzazione della Final Four dell'UEFA Women's Futsal Euro 2022, l'Europeo di futsal femminile, dal canto suo la Divisione Calcio a 5 presieduta da Luca Bergamini non è rimasta con le mani in mano. Anzi, si è subito attivata per cercare di rendere unica l'esperienza in terra italiana delle ragazze ucraine. 


"In un periodo storico come questo - dichiara Bergamini - non è possibile restare indifferenti. Quando ci è stata prospettata la possibilità di ospitare la Nazionale dell'Ucraina, in vista della Final Four dell'Europeo femminile di Futsal, ci siamo immediatamente attivati. Devo ringraziare il Comune di Bologna, così come Lavoropiù, per essersi messi all'opera permettendo la buona riuscita di questa iniziativa. La nostra è una disciplina che ha nell'aspetto sociale la sua stella polare e venire incontro alle esigenze della squadra Nazionale ucraina, facilitando il loro processo di preparazione alla massima competizione continentale, era davvero scontato. Siamo felici di poterle permettere di allenarsi e competere durante questa settimana nel nostro Paese". 



Già, perché anche allenarsi, ora come ora, per queste ragazze non è affatto scontato. Come sottolineato dal commissario tecnico della Nazionale ucraina, Oleh Shaytanov. "Ringrazio tutti per l'aiuto ricevuto - sottolinea il Ct -. Per noi è sempre una piccola vittoria sentire parlare dell'Ucraina. Per tre mesi, a causa della guerra, non siamo mai riusciti ad allenarci; alcune giocatrici erano persino uscite dal Paese, era impensabile richiamarle. Ma grazie allo sforzo fatto dall'Europa abbiamo potuto iniziare la preparazione in vista della final four di luglio: è un segnale forte, che lancia un messaggio di speranza che va oltre lo sport". Parole accorate, proprio come quelle di Iuliia Forsiuk, capitano della Nazionale gialloblù: "Ringrazio tutti a nome della squadra - spiega -. Siamo entusiaste di poterci allenare disputando anche due amichevoli in vista dell'Europeo. Io, personalmente, gioco in una squadra di Kiev e la mia famiglia è ancora lì: andare in Portogallo significa dimostrare che l'Ucraina è ancora in piedi e che non ha intenzione di cedere alla Russia". 


Entrando nei dettagli, se la sera di lunedì 13 è prevista la cena di gala nel circolo della Virtus Tennis, il tour guidato allo stadio Dall'Ara, organizzato anche grazie al supporto del Bologna FC 1909 e di Lavoropiù, allieterà il martedì della Nazionale gialloblù, che il giorno seguente sarà di scena a Prato per un'amichevole contro l'Italia mentre giovedì sfiderà il Bagnolo, società che milita in A2 femminile, alla Palestra Moratello. Venerdì, all'alba, partenza per la Francia alla volta di Parigi. 


"Questa iniziativa fa parte di un ventaglio più ampio di azioni messe in campo per supportare l'Ucraina - spiega Matteo Naldi, direttore marketing di Lavoropiù -, dal sostegno al concerto del 4 aprile in Piazza Maggiore a Bologna alla progettazione di interventi formativi mirati, fino alla presa in carico dei richiedenti asilo, grazie al dialogo attivato con Città Metropolitana. Tra le ultime novità c'è New Start, il progetto di Lavoropiù che prevede un supporto anche logistico per i candidati interessati a valutare la mobilità territoriale a fini assuntivi. Oggi queste ragazze devono concentrarsi solo sul futsal, è giusto che possano farlo. Sono convinto che tutti noi tiferemo per l'Ucraina ai prossimi Europei di calcio a 5".


A far gli onori di casa per la città è stata l'assessora allo sport del Comune di Bologna, Roberta Li Calzi. "Bologna ha nell'accoglienza e nell'ospitalità uno dei suoi grandi punti di forza. Sono particolarmente orgogliosa, in qualità di ex calciatrice, che la nostra città ospiti le ragazze della Nazionale ucraina di calcio a 5 per una settimana di allenamenti in vista degli Europei - afferma Li Calzi -. Ci siamo subito resi disponibili, in collaborazione tra Comune e Quartiere, ad attivarci per l'accoglienza in una delle nostre palestre e ringrazio Lavoropiù per il prezioso sostegno che ancora una volta ha deciso di dare a un'iniziativa di sport". 



Gli fa eco, sul fronte sportivo istituzionale, Simone Alberici, presidente del Comitato Regionale Emilia romagna della Lnd. "È con orgoglio e soddisfazione che oggi partecipo a questa conferenza stampa per portare all'attenzione un'iniziativa che conferma quanto il calcio sia veicolo di valori fondamentali anche al di fuori del campo. Tutti conosciamo la grave situazione in cui versa l'Ucraina, ognuno, a suo modo, dimostra la sua solidarietà. L'iniziativa della FIGC e della Divisione Calcio a 5 va in questa direzione. Accogliere le giocatrici della Nazionale di calcio a 5 femminile ucraina significa inviare un messaggio: noi, come Federazione, come Lega Nazionale Dilettanti, ci siamo".









Ufficio Stampa Divisione Calcio a 5