ADJ Città di Anzio, è grande festA(2). Di Fazio: “Dalla polvere della C1 a un sogno, inimmaginabile”

La prima storica promozione in Serie A2 è stato un traguardo a lungo sognato e fortemente voluto dall'ADJ Città di Anzio. Tra gli artefici di questa impresa ovviamente c'è anche il tecnico della formazione neroniana, Marco Di Fazio, arrivato in biancazzurro tre anni fa per portare il club a competere sui più alti livelli del futsal nazionale.

"Una grande emozione - dichiara nel festoso post-partita il tecnico, per l'occasione investito della corono d'alloro per rievocare l'imperatore Nerone, che proprio ad Anzio trovò i natali -. Al fischio finale mi è tornato in mente tutto quello cha abbiamo passato - prosegue poi il tecnico, una volta riappropriatosi del suo iconico berretto -: davvero dalla polvere della C1, quando ci eravamo visti la prima volta con Fabio (Locatelli, direttore generale), arrivando a sognare la Serie B. Adesso pensare di aver tagliato questo traguardo è qualcosa di inimmaginabile. Il mio pensiero va a questa squadra favolosa che mi ha accompagnato durante tutto l’anno, alla quale vanno tutti i miei onori. Il mio pensiero però va anche a chi ha costruito il Città di Anzio da lontano, a chi ha lavorato dalla Serie D, a chi ha passato dei momenti diversi da questo e non si è potuto togliere determinate soddisfazioni: ognuno ha lavorato per l’Anzio e noi siamo quelli che hanno preso il vessillo portandolo per adesso nella parte più alta. Ne siamo fortemente orgogliosi”.

La storia è arrivata sul campo con un gruppo formidabile spinto da una cornice di pubblico impagabile.

“Sugli spalti tanta gente, tutti i nostri bambini che giravano indossando le maglie con i nomi dei giocatori dietro. È stato molto meglio di quanto potessimo immaginare e sognare. Siamo abituati a sognare a piccoli passi perché le aspettative non sono mai un incipit buono quando si deve costruire qualcosa; quindi, io ho sempre tenuto i piedi per terra, invitando gli altri a fare lo stesso. Adesso però è giusto che i ragazzi si godano il lavoro che hanno fatto, perché durante l'anno non hanno mai mollato di un centimetro, allenamento dopo allenamento, con l'attenzione su tutti i dettagli: siamo arrivati qui perché l'abbiamo meritato”.

Ad Anzio tutti si augurano di vedere ancora Di Fazio sulla panchina della squadra biancazzurra, ma il tecnico preferisce mantenersi concentrato sul presente.

“Ci metteremo seduti e vedremo. Io ho un contratto con il Città di Anzio; lo abbiamo fatto perché la volontà era quella di arrivare in due anni e ce l'abbiamo fatta subito. Adesso vedremo; sul futuro io non sono abituato a pensarci, sono abituato a godermi la giornata. Lotteremo per il miglior piazzamento possibile nelle prossime quattro gare, ci riposeremo e poi valuteremo. La cosa importante comunque non è che io sia qui, ma che il Città di Anzio sia in Serie A2”.


CLICCA QUI PER L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA