Arriva il Canosa, Punzi scuote l'Itria: "Manteniamo la calma e portiamo la sfida dalla nostra parte"

Riccardo Punzi non è semplicemente il capitano dell’Itria. Senza paura di sbagliare è una sorta di istituzione del futsal cistranese, il giocatore nelle cui vene scorre sangue a tinte giallorossoblù, quel giocatore che c’è sempre stato a qualsiasi livello e in qualsiasi categoria. Insomma, uno che la maglia dell’Itria ce l’ha marcata sulla pelle. Logico che forse più di ogni altro avverte la necessità di scendere in campo domani al PalaWoityla di Martinafranca letteralmente col coltello tra i denti: la sconfitta maturata a Canosa obbliga la squadra di Bruno e Convertini a dover giocare la gara di ritorno non solo per vincere ma anche farlo con uno scarto di almeno tre reti. 


- Riccardo, per quelli che sono stati i valori espressi nel corso della stagione, ritieni che l'Itria possa riuscire a ribaltare il risultato domani?


“Certo, siamo consapevoli che l’avversario sarà duro da battere, le partite come queste dove si parte da uno svantaggio da recuperare sono sempre le più difficili.

Se manteniamo la calma, alla fine possiamo portare la gara dalla nostra parte”.


- Concorrere per la Serie A nella consapevolezza di aver comunque ottenuto il risultato puntato sin dall'inizio della stagione, ossia accedere all'A2 Elite. Ritieni che la squadra sia appagata per aver coronato il suo percorso chiudendo con un più che lusinghero terzo posto il girone C, oppure è pronta a giocarsi anche l'obiettivo più ambizioso considerando anche l’incidenza della vostra esperienza che potrebbe rappresentare il valore aggiunto nei confronti da sostenere, sin da quello con il Canosa?


“Penso che la Serie A sia l’obiettivo massimo da raggiungere per una società. Così come per tanti giocatori giovani da cui è composta la nostra rosa. Penso che tutti i ragazzi vogliano dimostrare di fare bene in questi playoff, raggiungendo magari una seconda promozione. Ad ogni modo, sono contento dei risultati che sono stati raggiunti, non è mai facile ottenere due promozioni consecutive. Comunque andrà, la stagione è stata ampiamente positiva”.