Atletico Cassano, Recchia fa le carte al campionato: ''Sarà equilibrato, ma occhio alle pugliesi''

Una stagione iniziata all’insegna delle novità per l’Atletico Cassano. La società pugliese, oltre ad aver effettuato nuovi innesti, ha cambiato guida tecnica con l’arrivo dell’ex Capurso Giampiero Recchia. I pellicani hanno debuttato nella nuova stagione di A2 al PalAngelillo, davanti ai propri tifosi, nel derby contro le Aquile Molfetta. Gara terminata a reti inviolate per la cronaca.


Sarà un avvio subito arrembante per gli uomini di mister Recchia che nella seconda giornata saranno impegnati nella difficile trasferta a Melilli, per poi tornare al PalAngelillo e affrontare il secondo derby in tre partite (il Futsal Capurso alla terza giornata).

 

Quali sono gli obiettivi che l’Atletico Cassano si è prefissato?


“Diciamo che non esiste un vero e proprio obiettivo di classifica e allo stesso tempo non voglio crearmelo io - spiega il tecnico nel corso di un'intervista al nostro mensile cartaceo Calcioa5anteprima - Finché non ci si confronta con le altre squadre è difficile capire a cosa si può ambire. Fondamentale sarà preparare sempre bene le partite e portare la nostra idea di gioco su ogni campo cercando di dare, sempre, il massimo per fare risultato”.


Che Serie A2 si aspetta?


“Nella passata stagione ero a Capurso sempre in serie A2. E’ un girone nuovo e i dubbi sulle compagini sono tanti. Me lo aspetto molto equilibrato e non vedo nessuna formazione in grado di ammazzare il campionato. Allo stesso tempo non vedo formazioni deboli e quindi nessuna squadra cuscinetto. Si può perdere e fare risultato con tutti”.


Ci parli del mercato del suo Cassano e delle avversarie.


“Ci siamo mossi per cercare di prendere calciatori funzionali alle idee di gioco. Sono contento perché mi sono mosso in sintonia con la società con cui c’è sempre stata unione d’intenti su chi acquistare. I nuovi arrivi hanno subito soddisfatto le nostre aspettative sia tecniche che umane. Ci sono formazioni che hanno investito di più come Cosenza, Melilli e Regalbuto. La sorpresa potrebbe essere la Polisportiva Futura. Occhio, però, anche alle pugliesi!”.



emme.elle