Conegliano a Tombolo con un sogno, Bottega: "Vetta per almeno un turno sarebbe grande soddisfazione"

Essere primi almeno per una settimana. Questo il grande sogno che il neopromosso Atletico Conegliano culla alla vigilia della 23a giornata di Serie C1 veneta, quando i trevigiani si recheranno alla BèlBoté Arena di Tombolo, lì dove hanno sfiorato il trionfo in coppa regionale, per sfidare il Futsal Godego fanalino di coda e scavalcare così il Verona capolista, che domani sera dovrà rispettare il proprio turno di riposo. Non sarà una gara affatto semplice quella che attende i gialloblù di mister Luca Sanson, perché i castellani, nonostante l'ultimo posto in classifica, hanno sempre dimostrato di essere una squadra ostica, tanto che all'andata il Conegliano vinse dopo un combattuto 4-3. L'Atletico però è sicuramente di buon umore, specie a seguito della sudata vittoria nel derby veneto con la Dibiesse Miane; proprio con un ex di quella sfida come Andrea Bottega siamo infatti andati a raccontare la vigilia dell'insidiosa partita che capitan Cammisa e compagni dovranno vivere nella trasferta di venerdì sera.

- Andrea, intanto com'è stato affrontare la tua ex squadra del Miane la scorsa settimana? 

"Sinceramente mi sono concentrato di più sulle caratteristiche della squadra che affrontavamo rispetto al nome. Sapevamo che era una partita tanto tosta quanto importante, avevano alcune defezioni di rosa e quindi sapevamo che partita ci aspettava. Non abbiamo brillato, ma siamo stati concentrati fino all’ultimo secondo per vincere la partita e restare in scia del Verona".

- E infatti pensiamo al presente, visto che domani c'è la sfida al Godego per provare a essere primi per almeno una giornata col Verona che riposa. Quale dovrà essere il vostro approccio alla partita? 

"Sicuramente vederci lì davanti almeno per una giornata sarebbe una grandissima soddisfazione che rende merito al grande lavoro che stanno facendo società, staff tecnico, mister e giocatori. Il campionato è ancora lungo, ma da neopromossa abbiamo la possibilità di giocare senza pressioni, non dobbiamo dimostrare niente a nessuno ma solo a noi stessi; poi a fine campionato sapremo che livello abbiamo raggiunto".

- Avete studiato il Godego? Che avversario vi aspettate di trovarvi davanti?

"Sappiamo che ci aspetta una partita molto complicata. All’andata lo è stata e sarà così anche in questa partita nel loro campo. Hanno grosse motivazioni e faranno di tutto per portare a casa punti d’oro per la salvezza. L’abbiamo preparata bene e faremo di tutto per continuare il trend positivo del girone di ritorno".


l.m.






Foto: Stefano Vidotto