Avis Isola, occhio al Nichelino. Tabbia deciso: ''Serve la testa, all'andata ci lasciammo le penne''

Sei punti di vantaggio su Top-Five e Pasta per l’Isola d’Asti che ha anche una partita in meno rispetto alle altre due concorrenti alla promozione in serie B. Sabato pomeriggio un incontro delicatissimo al cospetto dell’Aurora Nichelino che il tecnico Sergio Tabbia presenta così.

“Ogni partita in questo campionato ha la sua storia: ad esempio il Pasta, sabato, ha perso con il Michelino squadra che sfideremo sabato. Ci attende una delle partite più difficili dell’anno: con questa formazione all’andata perdemmo 6-4. Sono abbastanza preoccupato perché è una gara ostica per mille motivi. La mia squadra, è una formazione che però lotta sempre senza mollare mai: i ragazzi si allenano bene”.

Qual'è la situazione del gruppo.

“Ho perso Sanfilippo per problemi personali mentre Baladelli e Karja non sono al top. Di contro in rosa ho altri validi calciatori”.

Una gara difficilissima che il mister Tabbia sa come affrontare.

“La partita di sabato va giocata con la testa. All’andata questa la lasciammo a casa tanto che perdemmo. Servirà pazienza e dovremo lottare fino all’ultimo. Dobbiamo prepararci ad un discorso tattico diverso visto che le insidie sono ben chiare e precise. I miei calciatori, però, non sono stupidi”.


emme.elle