Bissuola, Calgaro ne è sicuro: "Siamo un gruppo molto unito, tutti lavoriamo col profilo basso"

Bissuola a forza cinque, come le reti segnate al Palmanova per il riscatto dopo il ko subito nell'amichevole precampionato.

Ma oggi il Bissuola Futsal è un'altra cosa rispetto a qualche mese fa, ha più consapevolezza, è più squadra e si candida a essere una delle sorprese, come matricola, del Girone B di Serie B. Il tutto frutto di un mix di giocatori esperti e di giovani promettenti alla guida di Nicola Paglianti.

"Siamo squadra, un bel gruppo, unito, nonostante ci sia molta gente nuova," conferma Daniele Calgaro, l'esperto portiere degli Snakes, classe 1985 -  Giocatori che si sono integrati bene, li abbiamo fatti integrare bene. Ci divertiamo, quindi, le cose vengono naturali. Lavoriamo sempre con il profilo basso. Testa bassa e lavorare. Siamo giovani, che hanno tanto da imparare e vogliamo imparare tanto."

Il lavoro per ora ha portato i suoi frutti con quattro vittorie in cinque turni di campionato.

"Sta andando bene. Non ci possiamo lamentare. Abbiamo disputato tutte belle partite, soprattutto quella a Belluno. Con un 3-0 meritato e convincente. Ma anche quella di sabato scorso è stata una bella affermazione, con qualche motivazione in più. Soprattutto per il grave lutto che in settimana ha colpito mister Paglianti. Abbiamo giocato e vinto anche per lui, che non ha mai mollato un colpo. E noi glielo dovevamo."

All'orizzonte intanto il big match con Cornedo per una classifica che sta già mostrando un certo distacco tra le prime e le inseguitrici.

"Anche noi pensavamo a un campionato più equilibrato, almeno all'inizio. Perché sono veramente tante le squadre competitive. Però è ancora lunga. Anche se Cornedo e Maccan non sono una sorpresa. Sono costruite per poter fare la differenza. Noi proveremo a mettere loro i bastoni tra le ruote."

 AT