Campello Motors, l'obiettivo è ripetersi a Prato. Biancato: "Per noi diventa importante vincere"

Con la sassata di sinistro potrebbe aver destato la squadra. Ed è proprio questo il compito del capitano, e Nicolò Biancato non si è certo tirato indietro quando sabato scorso ad Aosta ha trovato il pari con un bolide su cui nulla ha potuto il portiere avversario. E adesso l’obiettivo della Campello Motors è fare il colpaccio anche a Prato nel recupero della settima di andata, rinviata causa Covid.

“Con il mio sinistro ci siamo liberati di qualche problema - le parole del capitano a due giorni dal recupero con Prato. - La vittoria di sabato scorso è stata quella del riscatto. Avevamo vinto anche a Milano, ma quella dell’ultimo turno è stata tutta un’altra cosa. Il riscatto di quei compagni che prima non avevano saputo esprimersi al meglio. Ma in primis c’era chiaramente anche la voglia di rivincita dopo la brutta sconfitta casalinga”.

E in parte potrebbe anche esserci la linfa vitale che il ritorno di Antonio Candeo ha trasmesso al gruppo arancionero.

“Il ritorno di mister Candeo era la soluzione migliore e più giusta che potesse esserci. Ricordiamoci cosa due anni fa era successo quando abbiamo cominciato a cambiare allenatori. C’era bisogno di un tecnico che era già stato a Mestre e che fosse consapevole di cosa voglia dire lavorare qui.”

A Prato squadra e tifosi si aspettano un’altra prestazione maiuscola.

“Per noi è importante perché è una diretta concorrente per la salvezza e dobbiamo vincere. Come ha detto il mister non dobbiamo pensare alla classifica, ma dobbiamo andare in Toscana come siamo andati sabato scorso in trasferta. Dobbiamo essere calmi e giocarci la partita. Avere l’intensità di Aosta e allora ce la possiamo vedere con tutti, ma non solo a Prato, anche martedì prossimo a Villorba (che nel recupero di ieri ha perso con Nervesa n.d.a.). Inoltre mettiamoci che in questo momento non c’è un vero e proprio favorito del girone. Tutti possono perdere con tutti. È la situazione creatasi con il Covid, un campionato falsato dagli stop, noi abbiamo giocato solo dieci partite su quattordici turni, dai positivi, dagli infortuni. Anche lo stesso Regondi sin dall’inizio della stagione, non ha mai avuto la squadra al completo. Adesso che ricominciamo a trovare tutti i titolari, inizia il nostro campionato”.

E allora che sia Prato per la conferma!

Alessandro Torre - Ufficio Stampa


UNDER 19 - Con un posto sulla pagina ufficiale di facebook, la società mestrina ha annunciato la decisione di non prendere parte al campionato nazionale Under 19 del quale la Divisione Calcio a 5 ha programmato l'inizio per il prossimo 21 febbraio.