Casciano si aspettava un Hatria da alta quota. ''La squadra è forte, a L'Aquila lo dimostreremo''

E’ un Hatria che vola e che a suon di risultati positivi ad oggi è, classifica alla mano, la più seria candidata a contrastare la corsa della Lisciani verso la Serie B. Ma ci si aspettava, nell’ambiente atriano, che a questo punto della stagione i gialloneri sin sarebbero trovati a recitare questo ruolo da attori protagonisti del campionato? Isaia Casciano non ha mai avuto dubbi al riguardo.


“Si, me lo aspettavo perché comunque siamo una squadra forte, abbiamo una rosa completa. Anzi, dico peccato per i punti persi all’inizio”.


- Avete vinto a Celano, piegato nettamente il Minerva: l’Hatria è una squadra in salute e soprattutto sta credendo più che mai nelle sue potenzialità?


“Certamente. Lo ripeto: siamo una squadra molto forte, giovane e anche esperta, grazie alla presenza di alcuni giocatori che masticano futsal da tanti anni”.


Laterale, 24 anni, Isaia gioca ad Atri da un anno. Nell’ultimo turno ha scritto il suo nome sul tabellino dei marcatori dell’8-4 imposto al Minerva. Ma non vuole che resti un caso isolato e già domani, nella seria verifica de L'Aquila, spera di potersi ripetere. Sarà l’ultima trasferta prima della chiusura del girone di andata, che avverrà in casa contro il Ripa; poi, a inizio del nuovo anno, ci sarà la Coppa Italia da provare a vincere. 


- Casciano, stiamo parlando di tre appuntamenti tutti importanti per confermare le vostre aspettative stagionali. Le tue previsioni?


“L’Aquila è la vera sorpresa di quest’anno, ha giocatori forti fisicamente, e giocare in quel campo non è mai facile. Se sfruttiamo le nostre potenzialità possiamo portare i tre punti a casa. Il Ripa e la Coppa? Intanto pensiamo all’Academy… meglio un passo alla volta”.










Foto: Eleonora Raglione