breaking news
  • 27/11/2021 13:00 Serie B girone F: Alma Salerno-AMB Frosinone rinviata a data da destinarsi per il maltempo
  • 26/11/2021 22:42 Serie A2 maschile: nell'anticipo del girone C il Benevento si impone sulla Mirafin per 6-2
  • 26/11/2021 22:41 Serie A2 maschile, girone A, nel derby sardo vittoria del Città di Sestu sul Monastir: 6-3

18/10/2021 12:17

Cormar Polistena con entusiasmo verso Torino. Rinaldi: “Andiamo avanti con la nostra solita umiltà”

Seconda vittoria di fila per la Cormar Polistena che al PalaBotteghelle si impone per 5-3 sulla Todis Lido di Ostia. Il pensiero a fine gara del mister dei reggini, Rinaldi (CLICCA QUI PER IL VIDEO INTEGRALE), rientrato dalla squalifica ed alla sua prima panchina in stagione.

-Mister, grande secondo tempo, grande condizione atletica, grande reazione. Due volte sotto nella prima frazione di gioco, una grande vittoria...

“Si. Era una partita difficilissima, la terza in una settimana, ed i ragazzi ne erano consapevoli. Siamo pochi, ma nonostante tutto abbiamo fatto una gara in crescendo contro una squadra difficile da affrontare, una squadra ostica che gioca insieme da tanto tempo, una squadra ben allenata. Noi siamo stati bravi nel primo tempo ad uscire da situazioni che stavano complicando la partita. Bravi anche a reagire per due volte alla situazione di svantaggio, trovando anche il 2-2 prima dell’intervallo. Nel secondo tempo – prosegue Rinaldi – siamo andati benissimo, anche grazie a qualche defezione da parte loro. Una vittoria importante, ma la strada è ancora lunga e ci sono tante partite difficili ancora più di questa. Faccio i complimenti ai miei ragazzi, faccio i complimenti anche alla Todis che si è dimostrata una squadra molto forte e che, ne sono certo, farà tanti punti in campionato”.

Il mister pone l’accento anche sul fattore campo.

“Continuiamo a fare anche i chilometri per allenarci, nonostante questo non sia il nostro campo di casa. Per me giocare in casa vuol dire giocare dove ti alleni. La società sta facendo grossi sforzi economici, noi da parte nostra stiamo facendo grossi sforzi sotto il profilo fisico e mentale, perché ci spostiamo e per fare due allenamenti qui dobbiamo fare cinquecento chilometri in settimana, compresa la partita. Ma nonostante tutto la squadra sta facendo cose immense e sono orgoglioso di allenarla”.

-Andando a guardare anche la vostra distinta, la squadra è praticamente invariata rispetto all’anno scorso, eccezion fatta per gli innesti di Ique ed Eric. Ecco nella gara di oggi è anche difficile trovare un singolo che emerge rispetto agli altri, è il gruppo che sta facendo la differenza, e non è una frase fatta…

“Questo è un gruppo molto unito, un gruppo fantastico, un gruppo di persone che veramente sono professionisti esemplari. Lavoriamo tanto e ho sempre detto loro che questo lavoro di grande fatica e di grande sacrificio durante la preparazione si sarebbe visto e lo avremmo visto quando le partite come dell’inizio di cinque partite in due settimane, sono ravvicinate. Non dimentichiamo che abbiamo fatto una partita durissima con la Came e prima ancora con la Feldi”.

E domani c’è la trasferta di Torino contro la L84.

“Giocheremo a Torino e poi fine settimana Olimpus. Siamo, ripeto, rimaneggiati, ma siamo una squadra unita e se noi come piccolo Polistena da neopromosso stiamo facendo queste cose. Avere sei punti dopo tre partite di queste e con queste difficoltà, è già un ottimo inizio. Non so come finirà il campionato, ma sicuramente noi non molleremo mai, non daremo mai nulla per scontatone soprattutto daremo sempre filo da torcere a tutti con grande umiltà. La L84? è una squadra molto forte, ma noi la prepareremo con serenità come ho già detto ai ragazzi. Il concetto è che noi dobbiamo lavorare partita per partita. Con la L84 andremo chiaramente più sereni anche grazie a queste due vittorie e non ci dimentichiamo che noi abbiamo fatto le due trasferte infrasettimanali con le due squadre più lontane geograficamente e tra aerei, tra viaggi, tra spostamenti, ripeto, alla società e ai miei ragazzi non posso che fare complimenti vivissimi, strepitosi, perché non ci sono parole per quello che stanno facendo tutti insieme”.