breaking news
  • 14/05/2021 22:44 Serie A2 Femminile, playout girone C: Spartak Caserta-FB5 il 23 maggio, gara-2 il 6 giugno
  • 14/05/2021 22:43 Serie A, le nuove date dei playout: Aniene-Mantova sabato 22 maggio, ritorno il 29
  • 14/05/2021 22:39 Piemonte, Serie C1: Avis Isola-Top Five 5-1 nell'anticipo della 7ª giornata di andata
  • 13/05/2021 22:44 Puglia, Serie C1: nel recupero della seconda giornata Futsal Noci-Brindisi 4-1

30/11/2020 13:02

Craperi questa volta mastica amaro: "Pareggiare così lascia tanta delusione"

Un pareggio per 3-3 con tanti rimpianti quello colto dalla Mgm 2000 in casa contro il Fucsia Nizza. Nel recupero della seconda giornata del campionato di Serie B i morbegnesi sono stati raggiunti dai piemontesi a 22 secondi dal termine. Gli uomini di Gianmaria Craperi per tre volte sono andati avanti nel punteggio, ma gli avversari hanno risposto colpo su colpo.

La sfida tra le due neopromosse è stata piacevole, con i due team che hanno espresso una buona qualità nel gioco. Per la Mgm da segnalare che sono stati ben cinque i legni colpiti, prestazioni di grande spessore da parte dei due portieri, che hanno sventato numerose palle gol. Il tecnico Gianmaria Craperi mastica amaro dopo il pareggio ottenuto.

”È inutile nascondere la delusione, eravamo a venti secondi dalla vittoria. Quando oramai stavamo facendo un pensiero al successo è arrivata la beffa. Non siamo stati bravi a concretizzare le numerose occasioni da gol che abbiamo creato, soprattutto nel primo tempo. Loro sono una squadra molto esperta, hanno fatto quello che ci aspettavamo: una partita di attesa sfruttando le opportunità che hanno avuto. Noi abbiamo pagato un pochino di inesperienza”.

Negli ultimi tre match i passi in avanti della formazione morbegnese sono sotto gli occhi di tutti.

”Stiamo dimostrando di stare bene in campo – ha continuato il mister neroverde - però adesso è ora di portare a casa i tre punti. I ragazzi ed io volevano fortemente questo successo, quindi non siamo contenti. Resta il grandissimo primo tempo, dove abbiamo preso quattro o cinque pali, ma purtroppo la palla non voleva entrare”.

Simone Belletti - Ufficio Stampa