Domus, il diesse Dei Cas fa il punto: ''La squadra sta bene, è un girone difficile da decifrare''

La Domus Bresso è pronta al debutto assoluto nella serie A2, dopo la storica e trionfale promozione della scorsa stagione.
Sabato i bressesi per la prima di campionato ospiteranno al palazzetto di Burago Molgora l’Orange Futsal Asti, seconda classificata lo scorso anno nello stesso girone A di serie B della Domus.

-Quali sono le sensazioni alla vigilia del campionato di A2?
“La squadra si è allenata molto bene sul piano atletico e tattico – spiega il direttore sportivo Matteo Dei Cas - ho visto impegnarsi ogni ragazzo in tutta la preparazione. Il gruppo è voglioso di iniziare questa nuova avventura in serie A2, per tanti è una esperienza totalmente nuova, quindi è normale che in gruppo oltre all'entusiasmo ci sia anche un pò di apprensione. Per fortuna abbiamo anche giocatori di esperienza che la serie A2 l'hanno giocata alcune stagioni fa, quando il livello era sicuramente più alto, quindi c'è l'amalgama giusta per poter disputare una buona stagione. Il mercato estivo è stato in linea con le possibilità della società, non abbiamo fatto acquisti roboanti ma abbiamo sistemato con parsimonia una rosa che in serie B si è dimostrata tra le migliori di tutta Italia.”

-Quali sono gli obiettivi?
“Non ce ne poniamo, vogliamo lavorare duro in settimana per ottenere il massimo ogni sabato e a fine stagione tireremo le somme. Entrare nei playoff per la serie A2 élite sarebbe un risultato eccezionale.”

-Come vedi il vostro girone?
“E’ difficile da decifrare, perché la riforma dei "formati" ha mescolato le carte in tavola, avvicinando tutte le squadre. È normale che vedo un gruppo di 5/6 formazioni che per organizzazione societaria e disponibilità di giocatori professionisti sono sicuramente di uno step superiore, ma la possibilità di avere solo 3 non formati nei 12 convocati per la partita del sabato costringe tutti ad avere un gruppo di altri 9 formati di alto livello. Comunque credo che Lecco, Sampdoria, Elledì, Verona e Città di Mestre faranno un campionato a parte, le altre squadre formeranno un folto plotone che lotterà fino all'ultima giornata per gli altri piazzamenti",