Domus, torna Surace ma a Cagliari va una squadra non al top. Dei Cas: ''Pronti a dare il massimo!''

Dopo tre settimane, la Domus Bresso si rimette bin moto. Ultima giornata del girone di andata per la capolista del girone A, che già sicura da tempo della qualificazione ai preliminari di Coppa Italia, vola in Sardegna per la sfida alla Mediterranea Cagliari. Due gli aspetti che pesano sullo stato d’animo degli uomini di Santini: il retaggio della sconfitta di Asti che non ha permesso di trascorrere un Natale completamente sereno, e gli effetti del Covid che nelle scorse settimane ha messo ko diversi giocatori. 


“La prima sconfitta stagionale - spiega a proposito il direttore sportivo Matteo Dei Cas - è stata digerita dai ragazzi, purtroppo il match non ha preso i binari che volevamo ma abbiamo dimostrato di saper reagire alla grande alle difficoltà. Sarebbe stato bello avere la possibilità di giocare ad Asti con tutta la rosa al completo”.


L’assenza di Di Biasi (stagione finita per un grave infortunio) è stata contenuta dai giocatori.


“La squadra non si è scomposta dopo l'infortunio di Di Biasi, volevamo trovare un sostituto ma il mercato non ha offerto profili all'altezza. I ragazzi ora sanno che devono dare tutti qualcosa in più”.


- Temi che i casi di Covid che hanno interessato l’ambiente Domus possano ostacolare il ritorno all’attività?


“Fisicamente abbiamo pagato l'interruzione forzata degli allenamenti durante le vacanze natalizie. Con senso di responsabilità prima di Natale abbiamo iniziato a fare tamponi al gruppo squadra e abbiamo riscontrato alcune positività tra giocatori e staff. Lentamente stanno rientrando tutti i casi, sicuramente non siamo al top della condizione ma sabato daremo il massimo per portare a casa i tre punti”.


Capitan Surace rientra a Cagliari dopo aver scontato la squalifica.