Ducato Spoleto, col Lidarno secondo successo di fila in casa: tre punti preziosi per la salvezza

La Ducato Futsal che ci voleva piega il Futsal Lidarno in un match teso e con posta in palio altissima, soprattutto per gli spoletini a caccia di punti preziosi per la zona salvezza. De Moraes ha a disposizione l’intera rosa, compreso Cocco; il quale, tuttavia, può garantire solo pochi minuti. Con un capitan Rosi determinatissimo in quintetto, la Ducato mette al muro l’avversario sin dalle prime battute, esercitando un’asfissiante pressione a tutto campo. Vantaggio fortunoso, ma legittimo quello dei padroni di casa con tiro di Vasilache da buona posizione, respinta del portiere ospite e carambola sul talentino Kanayama che finisce in fondo al sacco.

La squadra di De Moraes non toglie il piede dall’acceleratore e, dopo il primo decisivo intervento di Stramaccioni su un’incursione perugina, ancora Vasilache sigla il raddoppio, al termine di un’azione prolungata in cui la difesa del Lidarno non è riuscita a sbrogliare. I ragazzi di Bartolocci cercano di riordinare le idee, ma qualche fischio di troppo condiziona la seconda parte della ripresa, con entrambe le squadre che chiudono con cinque falli a carico.


Nella ripresa sembra tutta un’altra partita: gli ospiti prendono decisamente l’iniziativa, appoggiando il gioco su Kanayama, folletto a tratti imprendibile per la Ducato che si trova all’11’ già gravata di quattro falli (dei quali uno rende furibondo il PalaRota, visto che viene fischiato dall’arbitro più lontano dall’azione). È il momento peggiore per la Spoleto, retta in piedi da Stramaccioni che, paradossalmente, subisce gol nell’azione più rocambolesca, chiusa in rete dal tocco di Dini. La reazione spoletina c’è, ma Trapasso si vede sbarrare la strada da Fiorucci. L’ingresso in campo di Oranelli dà una scarica notevole alla partita: il numero 8 di De Moraes mette il piede su diverse azioni, ma il vero capolavoro lo fa al 16’ con un sinistro da media distanza che si insacca sotto il sette della porta del Lidarno per il 3-1. Il doppio vantaggio potrebbe rendere più tranquillo il match per gli spoletini, ma al 18’ arriva il quinto fallo e al 25’ i perugini si giocano anche il portiere di movimento, ma non sfruttano l’occasione. Un palo dice di no a Secco al 27’. Nonostante questo, la Ducato ha la forza e la lucidità di pressare a tutto campo, impedendo l’utilizzo del power play. Stramaccioni chiude la saracinesca a doppia mandata e mette l’accento su una prestazione perfetta, neutralizzando un tiro libero allo scadere.


Venerdì sera, nell’anticipo, altro durissimo match in casa dell’Orvieto per la Ducato; non ci sarà in campo mister De Moraes, vittima di un’ammonizione per proteste in regime di diffida, apparsa ai più esagerata; ma ci sarà sicuramente la voglia di affrontare una squadra molto in forma, rendendo quanto subito nella rocambolesca partita di andata.


DUCATO SPOLETO-LIDARNO 3-1 (pt 2-0)

DUCATO FUTSAL SPOLETO: Stramaccioni, Trapasso, Rosi, Oranelli, Vasilache, Cocco, Secco, De Moraes, Giusti, Tacchilei, Baratta, Del Gallo, Bonelli, Maurelli. All. De Moraes

FUTSAL LIDARNO: Fiorucci, Santioni, Dini, Girelli F., Potenza, Kanayama, Ragnacci, Nanti, Alunni Solestizi, Baldelli, Lemmi, Girelli A., Lucacci. All. Bartolocci

ARBITRI: Marchetta di Perugia e Casalicchio di Orvieto

MARCATORI: pt 3’Kanayama (aut.), 10’Vasilache; st 13’Dini 18’Oranelli


Ufficio Stampa Ducato Spoleto