Eur Massimo, rammarico Gioia: ''Rimanere fuori un duro colpo, la Cioli? E' la nostra bestia nera''

C'è rammarico ma anche consapevolezza in Graziano Gioia, uno dei leader dell'Eur Massimo, che purtroppo per alcuni guai fisici ha dovuto saltare sia le Final Eight di Coppa Italia, si la prima gara dei playoff vinta dai suoi compagni di squadra contro l'History Roma 3Z. 

"Il primo turno è andato bene, abbiamo vinto di misura contro una squadra che mi piace molto, che ha giocatori interessanti e ci hanno messo in difficoltà: alla fine però la nostra maggiore esperienza ha prevalso. Ora arriva la Cioli, la nostra bestia nera diciamo, quindi ci sarà un motivo in più per fare una partita con la voglia e la cattiveria giusta per riscattare le due sconfitte in campionato. Io sono in fase di recupero dall'infortunio con tutte le cure del caso. Se sabato battiamo la Cioli potrei essere a disposizione nelle prossime gare, anche se non al massimo della condizione". 

Inevitabile, anche con Graziano Gioia, fare un passo indietro e pensare alla Coppa per la quale resta il rammarico di non aver potuto contribuire e, perché no, godersi sul campo il successo. 

"Mi è costato veramente molto rimanere fuori, non sono più giovanissimo e aver lavorato tutto l'anno per raggiungere la qualificazione e poi non poter giocare è stato un colpo al cuore. Ci sono cose più gravi nella vita, ma sportivamente parlando è stata una mazzata. Il segreto di questa squadra è che il gruppo fa la differenza, credo che tutti siano utili e nessuno indispensabile. La mia assenza poteva avere un peso maggiore, e invece grazie al lavoro dei miei compagni e dello staff sono riusciti a sopperire alla mia assenza, anche grazie a quel pizzico di fortuna che non guasta mai: i ragazzi hanno giocato due partite straordinarie. Noi siamo stati bravi a gestire il tutto, girando ogni situazione a nostro vantaggio". 


esp.