breaking news

26/06/2022 21:58

Feldi Eboli, un ko amaro. Bissoni: “Si chiude un ciclo: non è bastata una partita quasi perfetta''

Uno scudetto scappato via dalle mani. Dura da digerire una sconfitta del genere, seppure arrivata contro quella che è (è stata) la squadra da battere degli ultimi quattro campionati italiani. Una Feldi Eboli che però ne esce a testa altissima, dopo aver accarezzato la possibilità di scucire via lo scudetto ad una Italservice Pesaro che si è confermata ancora una volta imbattibile. 

“Sicuramente è una sconfitta difficile da digerire – dice Tiago Bissoni ai nostri microfoni. – Ci è mancato pochissimo. Un vero peccato. Penso che meglio di così non potevamo fare, anzi, non abbiamo fatto per niente male. Nello sport non è detto che vinca sempre chi fa la migliore partita e in una finale, forse, questo aspetto vale ancora di più. Non ci è bastata una prestazione quasi perfetta”. 

E la Feldi Eboli è stata, a conti fatti, l’antagonista numero uno dell’Italservice Pesaro, contro la quale si è contesa anche la Supercoppa e nella passata stagione, inoltre, la Coppa Italia. Non era facile arrivare fino in fondo a questo torneo di Serie A, con organici importanti, con tanto equilibrio nella zona alta della graduatoria; non era facile raggiungere la finale playoff da sesti in classifica eliminando nell’ordine Syn-Bios Petrarca ed Olympus che hanno sempre stazionato nei quartieri altissimi della graduatoria. 

“La chiave per raggiungere la finale è stata il gruppo. Abbiamo fatto una grande stagione. Sì, sono d’accordo, non era facile arrivare fino in fondo, ma soltanto così ci saremmo potuti riuscire e ce l’abbiamo fatta. Peccato, ripeto, per come è andata…”. 

E per Bissoni è stato mandato in archivio il suo terzo anno di fila con le “volpi” ebolitane.

“Si è concluso un ciclo, molto molto bello. Da quando sono qui abbiamo disputato tre finali insieme a questo club in continua crescita. Si dice sempre che per iniziare a vincere bisogna restare tra le prime quattro, ecco, sono sicuro che con il mio impegno e con la mia qualità sono riuscito a dare una mano alla Feldi per essere tra le prime quattro squadre del torneo da battere in questo momento. Una società molto seria, un presidente coerente e disposto a dare tutto per amore della città e di questa maglia”.  

Bissoni chiosa sul suo futuro, che pare proprio sarà lontano da Eboli. 

“Il futuro è ancora incerto, ma nel mio cuore sono tranquillo di avere dato tutto ciò che potevo per questa maglia. Non so se si tratterà soltanto di un arrivederci, quello che so è che farò sempre il tifo per questa maglia, con la quale, insieme, siamo cresciuti tanto. Lascio probabilmente in quella che è stata la mia migliore stagione, con numeri importanti per un giocatore del mio ruolo. Questo, senza dubbio, è stato possibile grazie anche ad un gruppo di uomini fantastici con cui è stato meraviglioso lavorare assieme. Sono davvero soddisfatto di tutti e di tutto ciò che ho vissuto qui”.

effe.ci