Ferrandina, Grippo: "Peccato per la Coppa, ma qui c'è un grande gruppo. Ora testa al campionato"

E' stato un Ferrandina che ha gettato il cuore oltre l'ostacolo nel doppio confronto di Coppa Italia (fase nazionale) contro l'Aradeo, ma non è bastato per passare il turno. I lucani di mister Giasi però escono a testa alta dalla competizione.

La conferma arriva dal laterale del Ferrandina Pietro Grippo, autore sempre di buone prestazioni oltre che di gol pesanti.

"Il nostro cammino nella fase nazionale di Coppa Italia purtroppo è finito, merito ai nostri avversari che hanno avuto la meglio. Penso che non abbiamo demeritato, siamo consapevoli che questa doppia sfida ci abbia insegnato molto e che ci è servita per crescere",  le parole di Grippo.

Sabato è ancora campionato, dopo il successo pesante di Bernalda si torna in casa ospitando l'ostico Castrum Viggianello.

"Dopo due trasferte consecutive in campionato dove abbiamo raccolto sei punti molto pesanti, sabato torniamo a giocare in casa e non vediamo l'ora di farlo davanti ai nostri tifosi.  Arriviamo al match in buona condizione grazie al lavoro svolto con il nostro preparatore atletico e con il mister. La vittoria di sabato scorso ci ha dato tanto entusiasmo e penso che mai come in quell'occasione, abbia fatto la differenza la nostra coesione di gruppo. Ci aspetta una partita difficile contro un avversario di tutto rispetto e poi si sa, giocare contro la capolista per tutte le avversarie offre uno stimolo in più. Perciò bisogna rimanere concentrati per tutta la partita e continuare sulla strada che stiamo intraprendendo dal punto di vista del gioco".

Come si trova Grippo a Ferrandina.

"Sono molto contento di fare parte di questo gruppo, sono stato accolto dall'inizio nel migliore dei modi. I miei compagni, il mister, la società e la gente di Ferrandina mi ha fatto sentire subito uno di famiglia e per questo non smetterò mai di ringraziarli", conclude il giocatore.


emme elle