Bissuola, trionfa anche l'Under 15. Visentini: ''Vittoria meritata, il campionato è stato duro''

Non solo prima squadra: il Bissuola trionfa anche a livello giovanile. L'Under15 di Diego Visentini nell'ultimo weekend ha conquistato le Final-Four regionali elite a San Vendemiano. Il mister gialloblù ci racconta questa splendida avventura. 

- Come commenti il successo dei tuoi ragazzi? 

"Il successo arrivato l'8 maggio è stato costruito mattone su mattone da agosto ad oggi, con il duro lavoro di questi ragazzi. Il campionato non è stato semplice, ma ci siamo qualificati a punteggio pieno alla fase Elitè; da lì abbiamo incontrato buone squadre che hanno dato vita ad un campionato comunque competitivo. Tuttavia non abbiamo mai mollato, cercando di gestire al meglio i momenti meno favorevoli, consapevoli che la strada sarebbe stata lunga, ma che se percorsa nel modo corretto ci avrebbe fatto crescere con continuità. E questo è ciò che è successo: per come siamo arrivati ad affrontare queste Final Four e per come effettivamente le abbiamo affrontate sul campo credo sia un risultato meritato".

- Quali sono state le qualità che più hai apprezzato del tuo gruppo? 

"Potrebbe sembrare una banalità, ma direi l'unità di intenti e l'intesa che si è creata tra tutti gli elementi della squadra. Sono ragazzi che pur provenendo da realtà diverse hanno saputo legare e aiutarsi in ogni momento, dagli allenamenti alle partite, ma anche al di fuori del campo. Oltre a questo sono ragazzi volenterosi di imparare per crescere: è davvero un piacere poterli allenare". 

- Questo trionfo è un segnale di quanto il Bissuola stia investendo sul settore giovanile? 

"Investire sul settore giovanile non è mai sbagliato, anzi. L'importante è farlo sempre con la giusta cura, attenzione e disponibilità. Il Bissuola lo sta facendo nel migliore dei modi da ormai quattro anni, cercando di dare ai propri atleti un ambiente favorevole in cui sviluppare un percorso sportivo importante fin da piccoli, non solo a livello di campo ma anche a livello umano e multidisciplinare". 

- Ora si può puntare a qualcosa di più grosso? 

"Si scende sempre in campo per un obiettivo e sognare non costa nulla. Tuttavia non conosciamo gli avversari che incontreremo: sappiamo solo che saranno molto preparati. Questo gruppo però cercherà di continuare a crescere, dando il massimo in ogni partita e provando a dare del filo da torcere a tutti".

l.m. 


Galleria