Futura al lavoro per il post-Fiorenza. Tanti reggini in lista e un outsider; ma c’è un’idea interna?

Chiuso un ciclo assolutamente vincente con mister Peppe Fiorenza alla guida tecnica gialloblù in casa Futura, archiviato il primo storico campionato di A2 Elite, è tempo di rimettersi al lavoro per trovare un nuovo allenatore.

Sul territorio le risorse non mancano di certo, come Pasquale Praticò (che ha declinato la Gallinese, a sua volta in cerca di un post-Quattrone, nda) il quale dopo le esperienze Cataforio, Catanzaro e Cormar, è ripartito quest’anno dalla C2 vincendo il campionato con il Reggio Calabria C5 (da dove è arrivato Martino) giocandosi anche le Final Four di Coppa Italia di Serie C e uscendo ai rigori.

Altra ipotesi plausibile potrebbe essere Peppe Alfarano, reduce dall’ottimo percorso con l’Under 19 della Pirossigeno Cosenza culminato con i play-off nazionali e che i colori della Futura li conosce benissimo (Fiorenza di fatto è stato il successore proprio di Alfarano, tecnico tra l'altro anche della storica scalata dal regionale alla B). E perché no, poi, mister Gianni Venanzi che, dopo aver chiuso la stagione in finale play-off con la Blingink Soverato, potrebbe anche riavvicinarsi nella sua Reggio Calabria.

C’è anche un outsider, mister Nino Rinaldi, esperienza infinita e di sicuro affidamento, quest’anno alla Dalia Management ed anche lui come Alfarano ha già vissuto lo spogliatoio della Futura qualche stagione addietro in Serie B.

Ma c’è anche un’idea interna. La coppia Honorio-Martino potrebbe essere la chiave per la Serie A? Il patron Mallamaci è stato chiaro nelle sue dichiarazioni al premio “Granillo” di fronte a un certo Gigi Buffon: “Il nostro sogno è la Serie A”. E come dargli torto? E come non poter dare per lecita una tale ipotesi, con una coppia, appunto, formata dal giocatore che vinto più scudetti in Italia (che viaggia spedito verso il rinnovo giallobù dopo essere diventato anche lui uomo-simbolo) e dall’estremo difensore (che già a livello giovanile in panchina ha fatto intravedere ottime cose) che con il “collega” ha giocato nella storica Luparense nel massimo campionato?

Sciolto il nodo del post-Fiorenza (l'ormai ex allenatore viaggia ormai in direzione della Puglia…) sarà poi il momento del roster, ma una cosa è certa: la Futura che verrà è pronta a garantire spettacolo.