Gallinese, ritorno coi fiocchi per Stuppino: “Lavoriamo bene e Venanzi è il nostro fuoriclasse”

Un gradito ritorno in casa Gallinese quello di Massimo Stuppino, che aveva iniziato la stagione con la Reggio SC. È anche merito suo se la compagine di mister Venanzi sta viaggiando a grandi falcate, risalendo la classifica a suon di gol (miglior attacco del girone calabrese) e di belle prestazioni. Nell’ultima gara contro la Maestrelli, vinta 8-0, Stuppino ha realizzato una doppietta con tanto di fascia di capitano al braccio. Gallinese che in questo sabato non scenderà in campo. Si recupera l’ultima giornata del girone di andata, ma i reggini avrebbero dovuto affrontare il Città di Fiore, in casa, che però è impegnato nelle Final Four di Coppa Italia.

“Il mio ritorno a Gallina è stato voluto fortemente da mister Venanzi e dal direttore Sandro Cutrupi, proprio nei giorni seguenti al mio ‘addio’ alla Reggio Sc per motivi personali. Colgo l’occasione per mandare ai biancoazzurri un caloroso saluto e ringraziamento per come mi hanno trattato in questi mesi. Sono stato fortunato perché col mio ritorno sono coincise delle prestazioni importanti che hanno portato delle belle vittorie. Sicuramente il merito di tutto è del fuoriclasse che abbiamo in panchina Giovanni Venanzi”.

Riguardo la partita di sabato scorso è arrivata un’altra netta affermazione. Quale è il “segreto” se così si può dire?

“La prestazione di sabato è stato il frutto di settimane di lavoro col prof De Stefano, che con passione e professionalità prepara al meglio un gruppo di ragazzi uniti con l’intento di seguire le direttive del mister per poter crescere”.

La risalita della classifica prosegue: gli obiettivi quali sono?

“Gli obiettivi della società sono abbastanza chiari: salvezza, magari tranquilla, e soprattutto far crescere i ragazzi che hanno enormi margini di miglioramento”.

Ora la sosta: aiuta oppure no?

“Direi proprio di sì. Questa settimana di pausa cade a pennello perché cercheremo di recuperare giocatori importanti che sono fuori per infortunio già da qualche giornata”.