Ganzetti è carico: ''Con l'Hellas dimostrerò di meritare scenari più importanti. Attenti al Milano''

Da Roma a Verona. Il giro continua per Andrea Ganzetti, che può adesso dire veramente di aver girato l’Italia (calcettisticamente parlando) in lungo e in largo, isole comprese. Senza dimenticare la Spagna, ovvio. Da una settimana Ganzo è arrivato nella città di Romeo e Giulietta: gli chiediamo come sono trascorsi i primi giorni a Verona, che ambiente ha trovato e soprattutto com’è stato l’impatto con i nuovi compagni.


“Direi che è andato tutto molto bene: accoglienza perfetta sia da parte del club, che vedo molto professionale in ogni dettaglio, sia da parte dei compagni, molti dei quali amici/avversari negli anni tra Serie A e A2”.


- Sei arrivato in un club ambizioso: la possiamo considerare la tua grande occasione per dimostrare che meriti scenari importanti e smentire chi ti ha dato poco minutaggio in A?


“Credo che sia sempre il campo a parlare. La scorsa stagione credo di aver dimostrato di poter giocare nella massima serie, in questa mi è stato lasciato poco spazio. Il club ha voglia di fare molto bene nel breve-medio periodo e pertanto cercherò di dare una mano a raggiungere gli obiettivi prefissati”.


- Domani c’è una trasferta a Milano da portare a casa: credi nella qualificazione alla coppa? Dove può arrivare l’Hellas ora che ha puntellato al meglio il roster?


“Milano è storicamente un campo ostico, sarà fondamentale restare conncentrati per fare punti e provare ad approfittare dei due scontri diretti sopra di noi per rosicchiare punti ed entrare in Coppa. Con i quattro nuovi arrivati l'Hellas vuole provare ad arrivare nelle migliori condizioni possibili a fine stagione per giocarsi tutte le sue carte”.


Per la Serie A, s’intende…