Al PalaPansini è una Defender da applausi: il 6-4 sul Regalbuto vale la quarta vittoria consecutiva

È una Defender Giovinazzo C5 da favola. I ragazzi del presidente Carlucci abbattono il Regalbuto e conquistano la quarta vittoria di fila. È 6-4 il risultato del PalaPansini, frutto di sei reti con cinque marcatori diversi e di una ripresa in cui i biancoverdi, con un avvio di gran personalità, hanno saputo colpire per cinque volte in soli dieci minuti. Il tecnico Faele, senza Binetti, riabbraccia Di Capua e Piscitelli, in campo sin dall’inizio con Menini, Ferreira Praciano e Silon Junior, mentre Bernardo risponde con Fichera, Campagna, Vitale, Wallace e Zanchetta.

LA CRONACA - Passa poco dal fischio d’inizio e dopo una fiammata di Silon è Ferreira Praciano che, al 4’, in azione concitata in area trova lo spiraglio giusto per portare in vantaggio i suoi: 1-0. Ci pensa Bingyoba a ristabilire la parità, solo un minuto dopo, girandosi in area con il suo fisico imponente e piazzando il cuoio sotto la traversa della porta avversaria per il momentaneo 1-1. Reazione immediata dei padroni di casa che colpiscono il palo con Roselli, ma che devono soccombere quando ancora Bingyoba attira su di sé tutta la difesa biancoverde e confeziona un assist a Martines che a porta vuota firma il vantaggio ospite al 12’: 1-2. Non sono fortunati Piscitelli e Roselli che vedono le loro conclusioni spegnersi ancora sui pali della porta di Fichera e che sono l’epilogo della prima frazione di gara.

Ripresa sicuramente più emozionante inaugurata dal mani in area di rigore di Wallace, su tiro di Menini, con il conseguente penalty che Silon non fallisce per il 2-2 al 2’. Sulle ali dell’entusiasmo è immediato il vantaggio della squadra di casa con Menini bravo su azione d’angolo a indirizzare la palla nell’angolo giusto per il 3-2 al 3’. È poi un ispirato Ferreira Praciano a costruire un delizioso assist per un pimpante Roselli che irrompe centralmente con un tiro di punta per il 4-2 all’8’. E allora anche Marzella vuole partecipare alla giornata di grazia e con un fendente velenoso scagliato subito dopo la metà campo porta il risultato sul 5-2 al 10’, mentre due minuti dopo lo score cambia nuovamente sul 6-2 quando Silon, ben assistito da Ferreira Praciano, mostra le sue qualità con un pallonetto delizioso su Fichera in uscita. Con 6 minuti ancora da giocare i siciliani rischiano la carta del power play con Campagna e dimezzano le distanze con un gran tiro di Bingyoba al 14’. Sul 6-3 spingono sull’acceleratore gli ospiti che mettono alle strette la difesa locale e segnano la quarta rete con Campagna (6-4), sfortunato a cogliere il palo sull’azione immediatamente successiva a una manciata di secondi dal termine. Si spengono proprio quel legno le ultime speranze degli ospiti di capovolgere il risultato.

Finisce dunque con il risultato di 6-4, con i giovinazzesi che mantengono il passo di Benevento e Canosa, superano l'Itria e salgono in quinta fila, ora a pari punti con il Manfredonia.


DEFENDER GIOVINAZZO - REGALBUTO 6-4 (pt 1-2)

DEFENDER GIOVINAZZO: Di Capua, Menini, Piscitelli, Silon, Jander, De Palma, Fermino, Marzella, Solimini, Roselli, Toma, Lanotte. All. Faele

REGALBUTO: Fichera, Wallace, Zanchetta, Vitale, Campagna, Bruno, Rosone, Martines, Ferrante, Bingyoba, Nicolosi, Leotta. All. Bernardo

ARBITRI: Rosario Angelo Faiella (Castellammare di Stabia), Gabriele Bruno Barbato (Castellammare di Stabia), crono: Antonio Carnazza (Taranto)

MARCATORI: pt 4' Jander (G), 4'10" Bingyoba (R), 12' Martines (R), st 2' rig. Silon (G), 3' Menini (G), 8' Roselli (G), 10' Marzella (G), 12' Silon (G), 14' Bingyoba (R), 16' Campagna (R)

NOTE: ammoniti Campagna (R), Roselli (G), Wallace (R), Fermino (G), Piscitelli (G), Zanchetta (R)

Ufficio stampa Defender Giovinazzo