Giovinazzo, la promessa di Gustavo Menini: ''Non vedo l'ora di iniziare a sudare per questa maglia''

Dopo una trattativa lampo, il Giovinazzo lo attende per una grande stagione in A2. Queste le prime dichiarazioni di Gustavo Menini.

"Sono un laterale a cui piace organizzare il gioco e mettere in campo tanta intensità", le sue prime parole in biancoverde. Laterale con spiccate doti offensive, molto grintoso, micidiale nell’uno contro uno, la finalizzazione, la rapidità e l’esperienza, fanno di lui un’altra spaventosa bocca di fuoco del roster del presidente Antonio Carlucci.

"Avevo tante altre offerte, ma ho scelto Giovinazzo - spiega l’atleta nato a Marilia, nello Stato di San Paolo, in Brasile - perché rappresenta un club storico del futsal italiano, molto serio e organizzato. Se sono qui, e non mi ha regalato nulla nessuno, devo dire grazie, oltre alla mia agenzia, a Daniel Ottoni, ex giocatore biancoverde. Con mister Darci Foletto e una rosa molto competitiva faremo grandi cose, ne sono certo, anche grazie al PalaPansini pieno del nostro stupendo pubblico".

Il Giovinazzo C5 è riuscito a portarsi a casa un giocatore che dovunque è andato ha fatto gol: Pescara, Putignano, Rieti, Milano, Cefalù, Real Rogit e Genzano.

"Ai miei nuovi tifosi posso dire che sta arrivando un giocatore con tanta grinta e cuore che darà l’anima in campo - dice Menini -. La società mi ha chiesto tanta professionalità: lavorerò duramente ogni giorno, spingerò al massimo per dare il meglio di me stesso in allenamento e in partita. Posso solo dire che darò tutto per questa maglia e darò il massimo in serie A2 per dare una grossa mano alla squadra e far sì che il Giovinazzo C5 possa raggiungere i suoi obiettivi".

Menini, dal canto suo, ha già le idee chiare.

"Io mi auguro di poter disputare, insieme ai miei compagni, una grandissima stagione - continua - di qualificarsi per la Coppa Italia e di lottare fino all’ultimo per arrivare fra le prime del girone. Vorrei ripetere quanto fatto con la maglia del Real Rogit", ricorda Menini, quando arrivò la promozione in serie A conquistata sul campo, ma non giocata per la mancata iscrizione del club.

"Sono qui per la serietà della società e per il suo progetto con una rosa molto competitiva e un mister di altissimo livello - conclude -. Non vedo l’ora di vedere i tifosi giovinazzesi. So che sono grandi appassionati e che sostengono la squadra sempre e ovunque. Non vedo l'ora di iniziare e di sudare per questa maglia perché non c’è gloria, senza sacrificio".

 

Nicola Miccione

Addetto Stampa G.S. Giovinazzo Calcio a 5