breaking news
  • 21/10/2021 09:52 Serie C1 Calabria: Sensation Profumerie-Cataforio 0-6 a tavolino

17/07/2021 19:33

Il Bissuola fa compere alla Fenice: cambiano casacca Cavaglià, Nalesso e Pace, ma non sono i soli...

Prime uscite per la Fenice Veneziamestre, che saluta Cavaglià, Nalesso e Pace, destinati al regionale: giocheranno infatti con il Bissuola. 

Cavaglià, pivot del ’96, ha realizzato 58 gol totali con la maglia della prima squadra della Fenice, mentre con le giovanili, tra i tanti trofei, ha vinto anche lo scudetto Juniores (due volte) ed Under 21. Gli stessi scudetti sono nella bacheca anche di Andrea Nalesso, centrale classe ’97 (26 reti con la Fenice), ed anche lui come Cavaglià è stato ceduto a titolo definitivo all'altra formazione mestrina. Lorenzo Pace invece, centrale classe 2000, approda al Bissuola con la formula del prestito.

Notizia dell’ultima ora anche la conclusione della trattativa per il passaggio a titolo definitivo in maglia Bissuola anche di Marco Giommoni, pivot classe 1999, campione d’Italia con gli Allievi mestrini.

3x3 – Ma le uscite dalla Fenice Veneziamestre, direzione Bissuola, non sono finite qui. Pronti a raggiungere Cavaglià, Nalesso, Pace e Giommoni ci sarebbero anche Bertuletti e Meo. Quest'ultimo scenderebbe in C1 dopo essere stato tra i protagonisti della promozione dello Sporting Altamarca in Serie A2 nella passata stagione, in cui avrebbe dovuto vestire la casacca della Gifema Luparense.

ALTRO STRANIERO IN ARRIVO? - Chiaramente la società veneziana sta anche lavorando per il mercato in entrata. Dopo l'approdo a Mestre di Tiago Daga, primo e storico straniero per una Fenice che ha da sempre avuto il suo marchio costante nel Made in Italy, potrebbe a stretto giro esserne ufficializzato un altro.

Si tratta di un attaccante che nell’ultima stagione ha giocato in Serie B tra Prata e Belluno, ma che in precedenza ha fatto tanta esperienza tra il Centro ed il Nord d’Italia. Ci conviene (come suggerisce il titolo dell'ormai celebrata canzone dei Maneskin) aspettare “zitti (belli) e buoni…”.  




Nella foto di Marco Traverso: Nalesso (di spalle) e Cavaglià (in profondità)