Il Giorgione sale sull'ottovolante: Gjata-Torres-Delmestre spianano la strada nell'8-1 al Maniago

Dopo l’ottima prova di sabato scorso che ha permesso di espugnare il campo del Pordenone, ecco un’altra convincente prestazione dei “terribili ragazzini“ di mister Marani, che tra le mura amiche hanno la meglio sul Maniago, compagine ferma in classifica ancora a zero punti ma mai doma e lo si era già visto nel turno infrasettimanale quando, con il Maccan Prata, avrebbe meritato di portare a casa punti. Non esistono partite scontate: è il campo a dire. Così ha sempre detto il tecnico castellano: le partite partono zero a zero, è la prestazione a definirne il risultato. I complimenti alla giovanissima compagine avversaria che mai, infatti, ha mollato onorando il match. 

LA CRONACA - Giorgione che va subito in gol con Flamingo Gjata, che dopo una discesa sulla destra sfodera un forte tiro verso il centro causando l‘autogol del capitano avversario. Tre minuti dopo, lo stesso Gjata, imbeccato da Cesari su un’azione personale tra tre avversari, sigla anche il raddoppio. Nel frattempo è da annotare la traversa di Duda. Passano altri due minuti ed è ancora assist di Cesari per Fabio Torres che va in gol per il 3-0. 

Reazione del Maniago ed è Moras, a tre minuti dalla fine del primo tempo, con una precisa rasoiata rasoterra, ad accorciare le distanze. Poi occasionissima Maniago, sempre con Moras, che si fa parare un rigore da Pozzobon allo scadere della prima frazione di gioco: avrebbe potuto cambiare gli equilibri della partita.

Nel secondo tempo entra subito deciso il Giorgione che fa suo il match mandando in gol ancora Fabio Torres su appoggio di Ygor Lisboa Cortes: entrambi erano all’esordio con la maglia biancorossa. Al 6’21” show dell’estremo difensore del Giorgione Alessandro Pozzobon, che dopo una impegnativa parata appoggia a Cerantola che gli restituisce la palla mandandolo in gol: legittima l’esultanza al Palavenale. 

Il Maniago non demorde e prende un palo su azione d’angolo: ma è l’anteprima dell’uno-due di Carlos Delmestre, che prima va a segno imbeccato dall’assist-man Cerantola, poi firma la doppietta dopo un’azione insistita tra tre avversari innescata da lancio di Pozzobon. A chiudere i conti, infine, e Ygor Lisboa Cortes che chiude un’azione confezionata da Torres e Kadù, per l’8-1 finale. 


GUARDA QUI GLI HIGHLIGHTS