breaking news
  • 14/05/2021 22:44 Serie A2 Femminile, playout girone C: Spartak Caserta-FB5 il 23 maggio, gara-2 il 6 giugno
  • 14/05/2021 22:43 Serie A, le nuove date dei playout: Aniene-Mantova sabato 22 maggio, ritorno il 29
  • 14/05/2021 22:39 Piemonte, Serie C1: Avis Isola-Top Five 5-1 nell'anticipo della 7ª giornata di andata
  • 13/05/2021 22:44 Puglia, Serie C1: nel recupero della seconda giornata Futsal Noci-Brindisi 4-1

12/02/2021 13:42

Il Milano gioca anche per Silveira. Ferri: "La sua assenza peserà, a Merano sarà un test complicato"

Il problema dell’infortunio di Silveira, con la diagnosi che lo obbligherà ad andare sotto i ferri, ha indubbiamente segnato gli ultimi giorni in casa del Milano. Un problema di non di poco conto perchè la sua assenza priverà la squadra di un terminale importante per dare profondità al gioco. Ne abbiamo parlato con Enrico Ferri, 26 anni (nella foto la sua esultanza dopo il rigore messo a segno nel derby), laterale mancino che al Milano è arrivato dopo aver giocato con LC Five Martina, Cisternino, Pescara e Ostuni. 


- Come analizzi questa situazione non certo felice?


“Purtroppo Silveira ha avuto un brutto infortunio che lo terrà fuori per tutta la stagione. È sicuramente una perdita importante perché non abbiamo giocatori con caratteristiche simili e ci permetteva di avere diverse soluzioni. Ci avrebbe dato una grande mano come stava dimostrando e come aveva fatto vedere nelle poche partite che aveva fatto, ma proveremo a non far sentire la sua mancanza”.


- Il Milano è una di quelle squadre che possono passare dalle stelle alle stalle in un amen. Vincere a Brandizzo, a Massa... poi perdere con il Mestre in casa, tralasciando il ko di Merate che era a inizio stagione. Perchè queste metamorfosi?


“È vero, abbiamo alternato grandi risultati a qualche brutta sconfitta. La prima cosa che mi verrebbe da dire è che nelle difficoltà riusciamo ad esaltarci maggiormente e non so se per un calo fisico o mentale abbiamo subito delle sconfitte che avremmo dovuto sicuramente evitare. Sia le vittorie che le sconfitte ci sono servite per capire che con la giusta attenzione possiamo giocarcela con tutte”.


- Oltre al risultato, quali sono stati gli aspetti positivi emersi dal derby con i Saints?


“Contro i Saints abbiamo giocato un’ottima partita proprio a livello di concentrazione e di agonismo, volevamo conquistare i tre punti a tutti i costi e lo abbiamo fatto. È il giusto atteggiamento che dobbiamo avere contro tutti gli avversari”.


- Sabato andate a Merano e vista la situazione di classifica una vittoria è essenziale per continuare a coltivare speranze di playoff. Domanda: solo playoff?


“Sabato sarà una partita complicata contro un’ottima squadra e daremo il massimo per portare a casa l’intera posta in palio. Non abbiamo un vero e proprio obiettivo, vogliamo fare bene ogni partita e poi sarà il tempo a dire dove possiamo arrivare. Sicuramente vogliamo dire la nostra anche quest’anno”.







Foto: Dughetti