Il Potenza con un gran finale spaventa la capolista Canosa, ma la rimonta si ferma sul più bello

Impresa solo accarezzata. Il Potenza prova a fermare la capolista Canosa con un finale super, ma alla fine i tre punti vanno agli ospiti che si impongono al PalaPergola per 5-4 nella sesta giornata del campionato di Serie B, girone G. I padroni di casa guidati in panchina da Fabio Santarcangelo devono accontentarsi della solita montagna di complimenti alla quale, però, non fa seguito nessun beneficio a livello di classifica.

LA CRONACA - Pronti e via e il Canosa è già in vantaggio dopo meno di due minuti. Errore in disimpegno di De Brasi, palla a Marcelinho che ringrazia e porta avanti gli uomini di mister Lodispoto (0-1). I pugliesi difendono bene e contengono con efficacia la reazione del Potenza che deve incassare il 2-0 sempre ad opera di Marcelinho bravo a trovarsi al posto giusto al momento giusto quando sono trascorsi poco meno di otto minuti.

Ad inizio ripresa sugli sviluppi di un corner, difesa del Potenza poco attenta e per De Paiva non è disagevole trovare la via della terza rete (0-3). Quando Heredia a 14' dalla fine sigla il 4-0, per il Potenza sembrano già scorrere i titoli di coda. In realtà mister Santarcangelo è bravo a giocarsi il portiere di movimento, i rossoblù gudagnano campo e costruiscono diverse palle-gol. Su una di queste è Claps a siglare il meritato gol dei locali (1-4) a sette dal termine. Il Canosa pare un po' stanco e gravato di falli, ma ha ancora la forza per segnare la quinta rete con Lupoli subito (1-5). Da allora Canosa in affanno anche per il bonus falli esaurito e Potenza in crescendo. Prima Lorpino al 14', poi Goldoni al 16' mettono una bella dose di pepe sul finale (3-5). Il Potenza sulle ali dell'entusiasmo si fa ulteriormente sotto nel punteggio con Telesca (4-5). Ultimo minuto concitato, il cronometro fa le bizze, gli arbitri sono costretti a fermare il gioco e perdono anche la necessaria lucidità per gestire al meglio l'arrembaggio finale del Potenza che, però, si ferma sul più bello e proprio sul suono della sirena.

Finisce 5-4 per il Canosa che vince la sua sesta gara di fila, mentre il Potenza ancora una volta deve leccarsi le ferite con una classifica che, in casa potentina, lascia davvero basiti per la sua bugiardaggine.


CITTA' DI POTENZA-CANOSA 4-5 (pt 0-2)

POTENZA: De Brasi, Innella, Trivigno, Telesca, Lorpino, Avallone, Vega, Goldoni, Claps, Sabadin, Lioi, Sagarese. All. Santarcangelo

CANOSA: Saulle, Marcelinho, Castrogiovanni, Iodice, De Paiva, Lupoli, Galindo, D'Elisa, Da Silva, Vallarelli, Verderosa, Subrizio, Heredia. All. Lodispoto

ARBITRI: Romano e Crescenzo di Salerno; crono: Ceraldi di Potenza

MARCATORI: pt 1'54" e 7'24" Marcelinho (C); st 1'43" De Paiva (C), 4'22" Heredia (C), 12'32" Claps (P), 13' 24" Lupoli(C), 14'11" Lorpino (P), 16'05" Goldoni (P), 16'36" Telesca (P)

NOTE: ammoniti De Brasi, Lioi, De Paiva, Galindo


Ufficio Stampa  Asd Potenza calcio a 5