breaking news

31/05/2022 14:05

Il sogno della Ecosistem Lamezia si infrange a due secondi dalla sirena: a fare festa è il Canosa

Due secondi, solo due secondi e la storia sarebbe stata diversa. Una beffa per l'Ecosistem Lameziasoccer costretta a giocare in gara secca e campo avverso l'accesso alle Futsal Finals di Salsomaggiore. Il sogno della società lametina svanisce a due secondi dal termine del primo tempo supplementare quando, complice un attimo di distrazione, il Canosa batte un fallo laterale con un tiro che pesca sul secondo palo il liberissimo Redivo che non sbaglia facendo carambolare il pallone in rete.

Una partita che la formazione lametina non meritava di perdere anzi, ma quando sbagli più di un'occasione a tu per tu con il portiere è quasi fisiologico poi essere puniti.
I ragazzi di Bebo Carrozza hanno tenuto testa agli avversari passando per primi in vantaggio, salvo poi farsi recuperare e recuperare portando la gara ai supplementari.
In un ambiente caldissimo gli orange non hanno temuto il confronto riuscendo a controbattere alle iniziative dei locali con azioni degne di nota su cui si esaltava l'estremo pugliese.
L'Ecosistem passava quasi subito in vantaggio con una delle primissime ripartenze in cui Regner recuperava palla avanza e dall'altezza del tiro libero fulminava Saulle con un tiro all'angolino basso. Locali che aumentavano la pressione cercando di assediare l'area lametina ma Pardal e compagni tenevano fino al 15' quando era Isaias a riequilibrare le sorti della gara con un tiro che sorprendeva Pardal. Azioni che si susseguivano con locali vicini al raddoppio, doppia parata di Pardal, e lametini che rispondevano negli ultimi secondi con Saulle che chiudeva in angolo.

Nella ripresa la cronologia si invertiva con il Canosa che passava subito in vantaggio ribaltando il risultato. Dopo poco più di un minuto i locali ci provavano con un'azione prolungata finalizzata al terzo tentativo, primi due respinti, da D'Elisa. Poteva essere il KO, invece orange che se la giocano e dopo poco non sono fortunati. Ottami ripartenza con Regner che ha la palla buona ma il suo tiro si infrange sulla traversa. A metà tempo ci pensa Barbosa, sempre in rete nei play-off, a riportare le squadre in parità ribadendo in rete una corta respinta di Saulle. Da qui in avanti le azioni migliori sono tutte orange con D'Amato che si trova per due volte faccia a faccia con il portiere avversario ma la sua conclusione impatta sul corpo dell'avversario. Alla terza occasione Regner è pronto sulla ribattuta del portiere ma il suo tiro viene salvato in angolo da Marcelinho. A tre secondi dal termine ancora un'occasionissima con Deodato che ferma un avversario sulla tre quarti e si presenta davanti a Saulle che respinge in angolo. Si va ai supplementari. Nel primo supplementare si contano quattro occasioni lametine con Regner, Patamia, D'Amato e De Masi; due fuori e due respinte con i piedi da Saulle.

Dall'altra parte un'occasione per Isaias respinta da Pardal. A 4" dal termine fallo laterale da cui scaturisce il gol di Redivo su cui i lametini sono praticamente rimasti fermi. Forse non si aspettavano la giocata a tempo a tempo quasi scaduto. Una doccia fredda che mette fuori gioco l'Ecosistem che nel secondo supplementare non riesce a rispondere a dovere costruendo una sola palla gol respinta in angolo dall'estremo avversario. Ci sarebbe anche un sesto fallo, a pochi secondi dal termine, con relativo tiro libero per gli orange ma incredibilmente viene assegnato un fallo a Deodato dopo un veloce consulto visivo tra i due arbitri in quanto uno aveva segnalato il sesto fallo.
Finisce così la stagione indoor ma l'attività prosegue in quanto già da alcune settimane sono iniziati gli allenamenti del settore beach soccer con la formazione lametina che sarà impegnata già dal prossimo week-end.






Ufficio Stampa Ecosistem Lameziasoccer