breaking news

20/12/2021 19:30

L'Italia prima si illude e poi cede il passo: all'Iran la prima amichevole (6-4) verso Olanda 2022

La prima cosa da dire è che l’Italia oggi ha perso contro una signora nazionale, perchè se l’Iran è al settimo posto del ranking FIFA e negli ultimi Mondiali è uscito solo nei quarti di finale per mano del Kazakhstan (che ci ritroveremo nel girone della prima fase in Olanda a fine gennaio) se lo merita. Una squadra incredibile per velocità di manovra, soluzioni di gioco, tenuta difensiva e pericolosità offensiva, tanto da segnare sempre su azione (eccezion fatta per il gol del 6-4 di Assebi su disimpegno sul quinto di movimento azzurro) a dimostrazione di capacità e qualità tecniche e tattiche impressionanti.

Bellarte, dal canto suo, avrà tempo per equilibrare la squadra apparsa in alcuni frangenti poco fluida, talvolta macchinosa, che ha avuto una positiva reazione quando - sotto di due gol - ha cercato di impensierire gli avversari, sfruttandole palle inattive per pareggiare e la superiorità concessa dal rosso a B.Mohammadi (ingenuo nel toccare la palla con le mani fuori dell’area). Gli Azzurri hanno tenuto botta ma sul piano della qualità offensiva l’Iran è stato superiore, vincendo con merito il primo test-match di Salsomaggiore.

LA CRONACA - Prima del fischio d’inizio la premiazione di Merlim da parete del presidente della Divisione Calcio a 5, Bergamini, con una maglia celebrativa per le cento presenze azzurre.

Ci impiegavano trenta secondi gli iraniani a far capire le loro intenzioni: rinvio di B. Mohammadi, Tayebi anticipa di testa Molitierno e per poco la parabola non entra in porta. L’Italia appare spiazzata dall’avvio avversario che si concretizza nel vantaggio di Karimi: 1’43”, doppio sombrero del laterale iraniano su Marcelinho e Molitierno e palla depositata in rete per lo 0-1. Gli Azzurri escono allo scoperto al 2’21”, con Nicolodi che scalda le mani al portiere iraniano che si salva in angolo. Al 4’28” Arillo ruba palla ma ancora B. Mohammadi ribatte con prontezza. Molitierno è chiamato a prestare attenzione alle iniziative dell’Iran, ma all’11’43” viene sorpreso nuovamente da Karimi per il punto del 2-0 dei bianchi di Nazem Al-Sharia.

L’Italia reagisce: 12’32”, Merlim viene atterrato in area, rigore che lo stesso capitano azzurro trasforma. Ancora molitierno chiamato in causa al 13’10”: il portiere della Fortitudo Pomezia si oppone in uscita su Hassanzadeh. Al 14’30” punizione di Marcelinho, Pour anticipa il suo portiere e per poco lo beffa; sul fronte opposto ancora Molitierno è provvidenziale (16’08”) su Olad Gabhad. L’Italia alza il baricentro: 17’23”, punizione di Cainan De Matos, appoggio a Merlim che spedisce a fil di palo. Al 18’ fallo di Karimi su Musumeci, Iran già al bonus ed è tiro libero: Motta lo trasforma per il 2-2, festeggiando la prima rete in maglia azzurra. 

Al 18’31” l’espulsione di B: Mohammadi lascia l’Iran in inferiorità numerica, ma Merlim non trasforma il tiro libero da posizione vantaggiosa, chiuso da S. Mohammad entrato tra i pali. Con l’uomo in più gli azzurri girano palla alla ricerca dell’imbucata vincente che trovano al 19’32”, quando Merlim scarica sul secondo palo per la girata di sinistro di Cainan. Vantaggio Italia, 3-2: il primo tempo finisce così.

Secondo tempo e Itan che ristabilisce subito la parità dopo 1’10”, con una grande azione che porta Karimi a ricevere palla e a infilarla alle spalle nei Molitierno per il 3-3. Replica azzurra affidata a Cainan, al 2’29”, su appoggio di Murilo: sinistro potente che S.Mohammadi ribatte di pugno, che sia ripete al 4’40” sulla bella giocata di Musumeci conclusa con un sinistro deviato di pugno dal portiere iraniano. Iran di nuovo in vantaggio al 5’40”: Abbasi vince un contrasto con Cainan, disorienta con un paio di finte Molitierno e scarica per Shajari che insacca a porta vuota il 4-3. Poco dopo Molitierno salva su Tayebi.

Gli Azzurri cercano di replicare e all’8’15” impattano il punteggio: Musumeci in evidenza sulla sinistra, palla al centro, Murilo si fa trovare pronto e di piatto sinistro infila la porta per il 4-4. All’11’15” ripartenza di Nicolodi, botta di sinistro che S. Mohammadi devia in angolo. Ma nel momento migliore arriva la giocata, improvvisa, sull’asse Hassanzadeh-Tayebi: verticalizzazione del capitano per la stella del Benfica che fulmina Molitierno per il nuovo vantaggio dell’Iran al 13’26”. Bellarte chiama timeout e presenta Merlim quinto di movimento.

Al 16’39” ci prova ancora De Matos, S. Mohammadi vola per deviare in angolo. Al 17’41” Pour in spaccata non centra la porta dalla sua area, l’azione si sposta velocemente sul fronte opposto, Musumeci libera il solito De Matos che sbaglia a tu per tu con S. Mohammadi. Al 18’09” stoccata di Motta, S. Mohammadi alza oltre la traversa; il giocatore del Cartagena è sfortunato al 19’07”, quando il suo destro incoccia la base del palo, sulla respinta si avventa Abbasi che nonostante l’opposizione di De Matos centra la porta vuota dalla propria tre-quarti campo per il 6-4 finale.

E domani, sempre a Salsomaggiore, va in scena la seconda amichevole, che chiuderà il 2021 degli Azzurri.


ITALIA-IRAN 4-6 (pt 3-2)

ITALIA: Montefalcone, Nicolodi, Esposito, Caponigro, Fortini, Musumeci, De Matos, Murilo, Marcelinho, Merlim, Arillo, Motta, De Oliveira, Berthod, Molitierno. Ct. Bellarte

IRAN: S. Mohammadi, Jamedi, Pour, Derakhshani, Karimi, Hassanzadeh, Olad Ghabad, Abbasi, Tayebi, Kad Khoda, Shajari, Shavardazi, Aghappour, B. Mohammadi. Ct. Nazem Al-Sharia
ARBITRI: Giulio Colombin (ITA), Federico Beggio (ITA), Dario Pezzuto (ITA), crono: Simone Zanfino (ITA)

MARCATORI: pt 1'43" e 11'43" Karimi (IR), 12'32" Merlim (rigore, IT), 18' Motta (t.l., IT), 19'32" De Matos (IT), st 1'13" Karimi (IR), 5'40" Shajari (IR), 8'15" Murilo (IT), 13'26" Tayebi (IR), 19'09" Abbasi (IR)

NOTE: ammoniti Hassanzadeh (IR), Pour (IR), Abbasi (IR), Marcelinho (IT), Nicolodi (IT). Espulso al 18'31" pt B. Mohammadi (IR) per gioco non regolamentare