breaking news
  • 25/05/2022 20:32 Serie A2, tutto confermato: Melilli-Gisinti Pistoia si gioca al PalaCatania (ore 17)
  • 25/05/2022 17:21 Serie B, il Futsal Prato comunica che Luca Pullerà non è più il tecnico della squadra
  • 24/05/2022 18:42 Under 19, playoff: la Lazio vince 5-1 in casa della Leonardo e si qualifica per i quarti
  • 24/05/2022 18:34 Serie AF. Semifinale scudetto, gara-3 tra Pescara e Lazio anticipata al 27 maggio

18/01/2022 12:21

Italservice Pesaro al lavoro durante la sosta, Bargnesi: ''Obiettivo tenere la giusta condizione''

 L’Italservice lavora sodo in questi giorni, nonostante una rosa decimata a causa degli Europei di futsal e della Coppa America ormai prossimi ad iniziare. I pochi biancorossi rimasti a Pesaro non hanno staccato la spina e insieme allo staff proseguono le sedute di allenamento.

Mister Fulvio Colini e il preparatore atletico e viceallenatore Davide “Daffo” Bargnesi si stanno dando parecchio da fare: “Ci sono due aspetti importanti quando hai a disposizione una rosa ricca di campioni – racconta Bargnesi, arrivato in estate alla corte di patron Pizza -, quello di essere fortunato a interagire con giocatori di questa caratura e poi quello di dover fare i conti con tantissime assenze in alcuni momenti della stagione. Non è sicuramente un alibi, anzi è un vanto quello di avere calciatori sparsi per il mondo a contendersi trofei così prestigiosi. Come siamo orgogliosi di lavorare in questi giorni con dei veri professionisti, pronti ad impegnarsi per mantenere e addirittura migliorare la propria condizione. Ci alleniamo principalmente in palestra e tutti coloro che sono rimasti a Pesaro mostrano grande disponibilità, è strano lavorare in pochi ma semplice, perché i ragazzi sono straordinari. Nel frattempo, facciamo il tifo per i nazionali, sperando di riabbracciarli stanchi ma carichi magari per qualche successo, piuttosto che delusi e arrabbiati”.

A proposito di trofei, Bargnesi vincendo la Supercoppa ha gustato il suo primo successo in biancorosso: “E’ stato un momento speciale, frutto del lavoro che proponiamo in settimana e della fame che vantano i nostri campioni. Sono arrivato in un ambiente abituato a vincere, ma confermarsi è sempre più difficile. Non posso che essere soddisfatto e sono convinto che 9 squadre su 10 avrebbero perso quella finale a un certo punto del match. Non noi”.

La stagione è ancora lunga e gli obiettivi da centrare sono tanti: “Siamo prossimi a cominciare la seconda tranche di questa annata. Potremmo avere qualche difficoltà all’inizio, essendo forse l’unica squadra ad allenarsi in così pochi in questo periodo. Ma è successo anche ad agosto e ne siamo usciti alla grande. Lo dicono i numeri, che ci vedono al secondo posto in classifica, vicini a un Petrarca che ha disputato un campionato stellare fino ad oggi, complimenti a loro, ma noi siamo lì. Ci attende un febbraio intenso, si giocherà praticamente ogni tre giorni, ci aspettano tantissime battaglie. I campioni e l’esperienza dovranno essere le nostri armi, sono fiducioso”.