breaking news

13/02/2021 21:51

Kakà punisce una volitiva CDM: Totoskovic riprende Bagatini, ma Perez e il palo sono di troppo

Una sconfitta di quelle davvero difficili da mandare giù. Perché la CDM, consapevole di non partire contro la Sandro Abate con i favori del pronostico, è stata capace di tener testa allo squadrone irpino per tutti e quaranta i minuti, incassando la beffarda rete di Kakà (una prodezza, va sottolineato) quando le lancette avevano cominciato da 14 secondi l’ultimo giro, ma soprattutto dopo aver avuto la possibilità di segnare anche il gol del 2-1 se Perez, prima, su Vega, e il palo, poi, su Foti, non si fossero opposti alle due conclusioni in rapida sequenza dei giocatori genovesi. 


Quel punto la CDM se lo sarebbe meritato e con esso avrebbe visto alimentare una bella fetta di ottimismo, seppur la classifica possa far credere l’opposto. E questo alla vigilia di ventunesimo turno che vedrà la squadra di Lombardo giocarsi il tutto per tutto a Roma con l’Aniene.


LA CRONACA - Subito CDM in evidenza. Bella iniziativa di Piccarreta che salta Ercolessi ma conclude strozzando il tiro, poi una ripartenza di Ortisi e passaggio a Foti ma Perez ribatte di corpo. Ancora Perez in evidenza: intervento in due tempi prima sul tiro di Foti e poi sul tap-in di Ortisi. Ma anche Pozzo non sta a guardare: punizione di Kakà, botta a incrociare ma il portiere ligure devia con bravura in angolo. Sono passati poco più di quattro minuti e arriva il vantaggio della Sandro Abate: Crema libera Bagatini che insacca.


Ortisi prova la conclusione vincente con palla che va poco alta sulla traversa, l’azione si sviluppa repentinamente sul fronte opposto: puntata di Crema ma Pozzo fa buona guardia, per poi opporsi in tuffo su un sinistro velenoso di Crema. Sandro Abate che torna a pungere approfittando di un errore di Vega dal corner, ripartenza di Dalcin e palla a Fantecele, sinistro che incoccia il palo esterno. Sull’azione successiva dallo stesso punto tiro di Dalcin e Pozzo si oppone in tuffo. Ma la gara guardinga della CDM viene premiata dal pareggio di Totoskovic: break di Vega per Ortisi, dal capitano palla di prima intenzione allo sloveno che di sinistro fulmina Perez. 1-1 e squadre al riposo.


Si rientra e c’è subito un bel sinistro di Totoskovic, ma centrale e Perez blocca a terra. Crema ci prova da buona posizione, la palla va fuori di poco. Poi il tentativo è di Bagatini ma Pozzo non si lascia sorprendere e ribatte di pugno. Ma la CDM, quando riparte, rischia di far male: laterale di Vega, Perez anticipa di un nulla Totoskovic appostato sul secondo palo. Pozzo si esalta respingendo due conclusioni di Dalcin, la seconda innescata da Crema per Dalcin. La CDM sfiora il vantaggio nel corso dell’ultimo quarto del match: ripartenza di Vega, tiro mirato sul palo più lontano e miracolo di Perez, riprende Foti e palo pieno! Poi è Fabinho ad avere la palla del 2-1: Perez è miracoloso in uscita.


Timeout chiesto da Batista a 4’ dalla fine, si riprende con Fantecele portiere di movimento. Ma è ancora la CDM a rendersi pericolosa: Vega viene atterrato in area, si invoca inutilmente il rigore, la ripartenza irpina è di Kakà ma Pozzo è una barriera e si oppone. E quando sembra che il pareggio sia l’esito più giusto di una bella partita, ecco che a 46” dalla fine arriva la beffa: lungo giropalla della Sandro Abate, da Crema a Bagatini che pesca libero sulla sinistra Kakà, rapida convergenza e invenzione che finisce sotto il “sette”. E il match si chiude (molto amaramente) li.


CDM GENOVA-SANDRO ABATE AVELLINO 1-2 (pt 1-1)

CDM GENOVA: Pozzo, Lo Conte, Foti, Ortisi, Joao Vitor, Fabinho, Marzano, Manca, Rivera, Piccarreta, Vega, Totoskovic. All. Lombardo

SANDRO ABATE AVELLINO: Vitiello, Perez, Ercolessi, Lombardi, Silano, De Luca, Crema, Bagatini, Fantecele, Jonas, Kakà, Rizzo, Iandolo, Dalcin. All.Batista

ARBITRI: Giulio Colombin (Bassano del Grappa), Fabiano Maragno (Bologna), crono: Davide Plutino (Reggio Emilia)

MARCATORI: pt 4’32” Bagatini (SAV), 18’50” Totoskovic (CDM), st 19’14” Kakà (SAV)