L'Hellas gioca ma non sfonda, il Milano si difende e si porta a casa un punto. Alba & C., solo 2-2

Lo sport a volte è anche questo: domini in lungo e in largo la partita, hai l’avversario in pugno, ma alla fine torni a casa con un… pugno di mosche in mano. È quello che è accaduto all’Hellas Verona nella trasferta di Milano, dove gli scaligeri hanno dominato per tutta la partita, avrebbero potuto segnare più gol e meritare di vincere, invece tornano a casa con un solo punto guadagnato. Un punto che sta veramente stretto ai gialloblù, che non portano a casa la vittoria (più che meritata) perché beffati praticamente dagli unici due tiri in porta dei milanesi.


LA CRONACA - L’Hellas Verona inizia bene con movimenti veloci e passaggi precisi, fa girare bene la palla e schiaccia nella propria area il Milano che difende alla meno peggio. Dopo alcune conclusioni andate a vuoto, al 9’ i gialloblù passano meritatamente in vantaggio con Rocha, bravo a infilare la palla in rete dopo un’azione confusa in area milanese. 


La reazione dei padroni di casa viene efficientemente annullata dai gialloblù abili a sterilizzare gli attacchi di Milano, mai veramente pericolosi. Gli scaligeri costruiscono azioni pericolose sfiorando il gol prima con Leléco e poco dopo con Alba, ma il portiere milanese si salva con due provvidenziali interventi. L’Hellas abbassa la guardia, rallenta un po’ il ritmo e il Milano si fa vedere nella metà campo veronese senza però impensierire più di tanto un attento Fior. Al 19’ arriva l’inaspettato pareggio dei padroni di casa che sfruttano al meglio una disattenzione veronese per segnare con Pica Pau il gol dell’1-1. Per l’Hellas è tutto da rifare.


Nel secondo tempo, passa solo un minuto e l’Hellas Verona è nuovamente in vantaggio con Alba, lesto a rubare palla ad un avversario e di esterno destro rasoterra trafiggere Volonteri. I gialloblù non mollano e poco dopo sfiorano il terzo gol con Ique. Al 7’ ci prova Donin con una bomba delle sue, ma la palla è di poco alta sopra la traversa. La partita è bella e vivace ed è sempre in mano ai gialloblù che insistono ancora, prima con Ique, due volte, poi Alba ed infine Juninho, che prende la traversa. Niente: la porta milanese sembra stregata e la palla non vuole saperne di entrare.


Al 13’ il Milano pareggia quando Fior respinge malamente sui piedi di Monteiro il tiro di Peverini, che firma il 2-2. L’Hellas non si dà per vinto. Ci prova Ganzetti in girata, niente, ci prova capitan Leléco, ma il pallone svernicia il palo. Milella decide allora di provare a 2’ dalla fine il portiere di movimento, ma non succede nulla, finisce 2-2. Un pareggio amaro che sa di beffa.


Felice Gattamelata (L’Arena)



MILANO-HELLAS VERONA 2-2 (pt 1-1)

MILANO: Volonteri, Pirovano, Thyago Monteiro, Pica Pau, L. Peverini, Santagati, M. Peverini, Pozzi, Miramondi, Schiavone, Ferri. All. Sau

HELLAS VERONA: Fior, Leleco (cap), Alba, Ique, Juninho, Alemao, Ouddach, Rocha, Ganzetti, Bazzanella, Donin, Barbensi. All. Milella

ARBITRI: Lupo (Palermo) e Metrangolo (Pescara). Crono. Sommese (Lecco)

MARCATORI: pt 9’ Rocha (HV), 19’ Pica Pau (M), st 1’ Alba (HV), 13' Monteiro (M)

NOTE: ammoniti L. Peverini (M), Pica Pau (M) e Fior (HV).