breaking news

29/11/2020 18:00

La Domus sfrutta tutte le occasioni, all`Orange non riesce la rimonta: è 3-2 per Battaia & C.

Il futsal è sport di episodi che a volte possono indirizzare un match in un senso piuttosto che in un altro. E non fa eccezione la partita dell’Orange Asti contro la Domus, una delle pretendenti alla salto di categoria di questa stagione, che ieri ha preso l’intera posta dell’incontro vincendo per 3-2 contro i ragazzi di Patanè.

Ma è stata una partita in cui Celentano, Itria e tutti quelli che sono scesi in campo hanno tenuto il confronto con maestria e grinta. Un primo tempo strano con diverse azioni non concretizzate dai ragazzi, mentre capitan Surace e compagni hanno inventato reti incredibili che hanno donato un triplice vantaggio, un vantaggio cospicuo per i padroni di casa e che non ha reso giustizia del risultato con un disavanzo troppo grande per quello che si era visto in campo.

Una ripresa poi all’arma bianca quella degli astigiani, con Celentano prima e poi col portiere di movimento che ha permesso a Itria di ridurre ancora il divario fra le due squadre per un finale al cardiopalma, che non ha premiato però i ragazzi di Patanè.

C’è apprensione sicuramente per l’infortunio a Cannella, da valutare nei prossimi giorni, ma l’impegno del gruppo è stato encomiabile visto anche il periodo da cui si è usciti, per cui meglio guardare al bicchiere mezzo pieno in una stagione in cui, purtroppo, sarà protagonista ancora il Covid.

Ufficio Stampa Orange Asti

 

 

Foto: Futsalworld