La MGM 2000 preme subito sull'acceleratore: Mendieta e Richichi illuminano il netto 12-4 sul CCC

Esordio coi fiocchi per la MGM 2000, che travolge il C’è Chi Ciak per 12-4 nella prima giornata del campionato di Serie B. Non poteva partire meglio la squadra di Gianmaria Craperi, che ha messo in mostra una cattiveria agonistica e una voglia di vincere che possono portarla lontano. Per tutti i 40 minuti la formazione morbegnese non ha mai tolto il piede dall’acceleratore, andando a segno con tanti elementi dell’organico. Da sottolineare la prova di Varietti Mendieta, giocatore uruguaiano comprato apposta per fare la differenza, che ha lasciato subito il segno; e del nuovo capitano, Antonio Richichi, che ha guidato la difesa con autorità, senza rinunciare al contrattacco. 


LA CRONACA - Il match si è aperto con l’infortunio accorso a Bosetti, nuovo portiere neroverde, il quale ha dovuto lasciare subito spazio a Clerici. La MGM, dopo aver costruito in pochi minuti diverse occasioni, è passata a condurre al 3’ grazie al diagonale sinistro vincente di Di Gregorio: il numero 7 è ripartito da dove aveva lasciato. L’entrata di Mendieta, detto “El Chato” si è fatta subito sentire, il suo destro è uscito a lato di un soffio. All’8’, quasi all’improvviso, il capitano del C’è Chi Ciak, Arrais, si è inventato il gol del pareggio. 


Al 16’ Di Gregorio ha riportato avanti i padroni di casa con un altro diagonale letale, questa volta di destro. Poco dopo è stato espulso Cuel per doppia ammonizione e la MGM 2000 ha sfruttato la superiorità numerica andando a bersaglio con Vigliotti. “El Chato” su tiro libero ha segnato la sua prima rete neroverde. I sardi hanno accorciato le distanze con Montes. Sul finire della prima frazione Gramegna su rigore ha portato i padroni di casa sul 5-2. 


Nella ripresa la MGM non ha calato la spinta: Richichi, Di Maggio, Mendieta (gran gol) e Gramegna hanno allungato ancora di più il divario (9-2). C’è stata gloria anche per il giovane Cavalieri su assist di Richichi. Vigliotti dopo aver recuperato palla ha siglato la doppietta e l’11-2. Chistolini al volo di sinistro ha trovato il 12-2. Di Medda e di Arrias le altre reti sarde per il 12-4 definitivo. 


Ufficio Stampa