La Mirafin vola a Cagliari per scacciare la crisi. Mirra: «Dopo quasi due mesi è ora di vincere»

Il campionato della Mirafin riprende dalla Sardegna, con la trasferta sul campo della Jasnagora che può - e deve - rappresentare la pietra miliare del rilancio della squadra di Armando Mirra, che vuole tornare a vivere l’aria dei tre punti dopo una lunga astinenza. La vittoria manca dal 23 dicembre e i tre pareggi di fila ottenuti nelle ultime quattro giornate, segnate dalla pesante sconfitta interna con la Conit Cisterna, hanno provocato il distanziamento della squadra rossoblù dalla zona playoff. Insomma, a Cagliari per vincere, come dice chiaramente mister Armando Mirra.


“Riprendiamo il campionato con la voglia di ricominciare a fare punti importanti. Andiamo a Cagliari per fare valere la nostra forza: vogliamo la vittoria che ci manca da quasi due mesi, la classifica ci preoccupa un po' ma è talmente corta che può succedere di tutto”.


Come al solito l’appello è a quell’unità di intenti che ha sempre permesso alla Mirafin di venire fuori dalle situazioni anche più delicate.


“Confido nel nostro gruppo, che nei momenti di difficoltà è sempre riuscito a rendere positive circostanze molto complesse: con la Jasnagora sarà una gara difficile ma abbiamo le carte in regola per fare bene. Certo, andiamo in Sardegna con qualche assenza, ma come dimostrato già in precedenza, i giovani riusciranno a non renderlo un grande problema”.


Il riferimento è diretto a Evandro (nella foto), che proverà nel riscaldamento se sarà possibile o meno far parte del match.