La ricetta di Battaia per la sua Domus: "Contro l'Ossi dobbiamo rimetterci in discussione" STREAMING

CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING


Domus Bresso in Sardegna in cerca di riscatto dopo la magra di Crema, per una trasferta in casa dell’Ossi obbligatoriamente da condurre in porto con i tre punti: come si presenta la squadra di Alessio Battaia a questo appuntamento da un punto di vista soprattutto morale dopo la brutta sconfitta di Crema?


“E’ stata una batosta - ammette il tecnico bressese - abbiamo rivisto la partita e cercato di analizzarla per capire i nostri errori e limiti, mettendoci in discussione, cercando di imparare la lezione. Dobbiamo ritrovare in questo momento la fiducia in noi stessi e per fare questo ci vuole una bella prestazione convincente: ci siamo dati degli obiettivi e vogliamo raggiungerli ritrovando quella fiducia che si è persa con la sconfitta di Crema, sappiamo che il percorso è difficile, il campionato è molto livellato e lo dimostra il fatto che ci sono continuamente risultati del tutto imprevedibili, come ad esempio l’Orange che perde con il Val d’Lans, il Videoton stesso che è secondo in classifica”.


- Con il Videoton in alta quota avete trovato un'altra degna outsider nella corsa verso l'A2: ti aspettavi un torneo tanto livellato verso l'alto?


“Non so per motivi dovuti alla stagione particolare per il Covid, oppure perché il livello si sia nettamente alzato, però comunque il Videoton a conti fatti è li nei playoff e sicuramente è una di quelle squadre che finirà l’andata nella zona playoff. Per cui diventa un altro avversario per la promozione, come dimostra il fatto che è stato sconfitto solo una volta e viene da cinque vittorie consecutive”


- Cosa hai chiesto ai tuoi giocatori di evitare di ripetere contro l'Ossi ripensando al ko di Crema?


“In realtà abbiamo capito che soffriamo un certo tipo di squadre, l’Ossi è invece una squadra che costruisce gioco, ti affronta a viso aperto, gli piace il fraseggio, è molto offensiva, insomma ha caratteristiche simili alle nostre, mentre noi abbiamo incontro le maggiori difficoltà con squadre che fanno dell’aggressività, della fase difensiva e delle ripartenze la loro forza. L’Ossi ha un giocatore sicuramente forte nell’uno contro uno, che è Wendel, che effettivamente è molto bravo e sarà un osso duro da marcare. Però è l’atteggiamento e l’approccio collettivo quello che temo di più: se saremo poco determinati nelle seconde palle e nei contrasti, quello penso che sarà il nostro vero nemico. Per tutto il resto mi auguro che riusciremo comunque a trovare quella vittoria per rimetterci nella situazione di classifica che vogliamo e in cui crediamo”.