Lisciani Teramo, debutto vincente in Coppa col Bojano: la qualificazione si decide con la Parthenope

La Lisciani Teramo scrive un'altra importante pagina del meraviglioso libro della sua stagione. Al debutto nella fase nazionale di Coppa Italia, al Pala Acquaviva, i biancorossi rifilano un netto 10-3 al Bojano, campione del Molise, e dà immediatamente seguito al 4-3 di Atri dell'ultimo weekend di campionato.

Mister Walter Di Domenico è privo, nel match infrasettimanale, di Fabiano Compagnoni e Alessandro Benigni, che scontano le squalifiche rimediate nella fase regionale, ma trova risposte, ancora una volta, dalla lunga rosa a disposizione.

LA PARTITA - La sfida parte con il Bojano inizialmente più propositivo ed è subito insidioso Mascia da fuori, ma Fredducci ribatte a mano aperta. Si attiva la Lisciani ed è subito protagonista Giammarco Di Blasio, con una serpentina tra tre avversari e l'assist per D'Andrea sul secondo palo, ma il portiere molisano, Colalillo, salva. Al 5' si sblocca il parziale: corner di Cotturone per l'inserimento di Marco Passamonti, che buca il portiere, fa 1-0 e sigla il suo secondo gol consecutivo dopo quello di Atri. Passano altri 2' e la Lisciani raddoppia: Federico Benigni recupera e innesca il liberissimo Ferretti sul secondo palo, stoccata sul lato opposto e nulla da fare per l’estremo difensore. Colalillo capitola nuovamente al 9' sull'incursione di Di Blasio, che prima calcia addosso al numero uno molisano e poi ribadisce a rete per il 3-0. Passano 35", contropiede biancorosso con Ferretti che cerca il tocco sotto e scavalca il portiere ma manca di un nulla il bersaglio.

Al 12' si scuote Bojano, Reale impegna Fredducci da fuori, poco dopo il portiere è super nel neutralizzare il tentativo ravvicinato del liberissimo Basile. Prova a calare il poker Paolo Cotturone con un violento tiro sotto la traversa messo in angolo da Colalillo. A 5' 25" dalla sirena di fine tempo, Di Blasio pesca in diagonale Ferretti che scarica sul primo palo e trova ancora la risposta del portiere. Quasi allo scadere l'occasione più ghiotta capita a Di Blasio, che se ne va in contropiede e, a tu per tu col portiere, calcia appena a lato. Prima dell'intervallo c'è spazio per un nuovo intervento fondamentale di Fredducci, che tiene Teramo sul 3-0 annullando la stoccata di Ricci da fuori.

Ancora Lisciani a caccia del gol nel secondo tempo, con un ritmo che non cala nonostante la seconda gara in 4 giorni. Prima l'estremo difensore dice di no sul suo palo a Federico Benigni, ben servito da Di Blasio. Poi, al secondo numero 55 di gioco, è proprio quest'ultimo ad infilare in porta il 4-0 su una gran giocata di Cotturone sulla sinistra. E il quinto colpo è già in canna, con lo stesso Cotturone che riceve un rinvio lungo di Fredducci e fredda Colalillo senza dar tempo alla difesa di rientrare. L'uno contro uno tra l'ex Celano e il portiere premia ancora il teramano, per il 6-0 al 4'. Scossa per il Bojano con Melfi, che prima va a segno dal lato corto di destra dell'area mandando sul palo lontano, poi si divora la doppietta mandando clamorosamente a lato da due passi sugli sviluppi di una punizione.

Teramo mantiene alta la media dei legni colpiti ad ogni gara, con un palo beccato da Federico Benigni dal limite. È proprio lui ad aumentare il gap nel punteggio al 9': lancio di Fredducci per Galanti, che perde e poi recupera un pallone sulla linea di fondo con una giocata da applausi, e a porta vuota il numero 7 ha vita facile sulla sponda del compagno. 6'15" alla fine, altro cioccolatino di Cotturone sulla sinistra, Di Blasio lo scarta e fa tripletta personale per l'8-1 con la firma personale numero 102 con la Lisciani. Sfiora un centro che sarebbe meritatissimo Luca Martelli, neutralizzato sulla linea da Colalillo, mentre al 17' Reale si inventa il gol più bello della serata mandando sotto l'incrocio dalla distanza senza che il neo entrato Ciccone possa farci nulla. I teramani rispondono con altri due centri, prima la tripletta di Cotturone, implacabile nel face to face col portiere, poi il guizzo di Matteo Di Clemente su assist in profondità di Martelli. Il libero segnato da Caccavelli allo scadere fissa il parziale sul definitivo 10-3.

Ora per la Lisciani c'è da pensare al campionato, con la sfida a La Fenice in programma sabato alle 15 al Pala Acquaviva per mantenere i 9 punti sulle inseguitrici. Poi si tornerà a parlare di Coppa: martedì è in programma la trasferta di Cercola (NA) in cui a Di Blasio e compagni, per superare il turno, potrebbe anche bastare un pareggio di fronte al Parthenope Futsal, da tutti considerato tra le più temibili squadre del panorama nazionale.


Area Comunicazione Lisciani Teramo Calcio a 5

Nicolas Maranca