Lo Sporting Sala Consilina prepara armi e bagagli per lo Stretto. Brunelli: "Vedo tanta fiducia''

Se c’è un giocatore nello Sporting Sala Consilina sul quale vertono le maggiori aspettative da parte di compagni, staff, dirigenza e tifoseria, quello è indiscutibilmente Leonardo Brunelli. L’attaccante brasiliano, che lo Sporting ha acquistato dal Giorgione, si appresta a cominciare la terza stagione consecutiva in maglia gialloverde e quando siamo ormai giunti alla vigilia della partenza per Reggio Calabria, che sarà la sede del primo atto del nuovo campionato di Serie A2, è venuto spontaneo intavolare col bomber paulista una chiacchierata per carpire gli umori e capire le ambizioni che si nutrono in vista di questa nuova avventura.


- Allora Leo, con quali aspettative vi state preparando per questa trasferta che possiamo dire sarà il primo atto di un campionato che deve essere del tutto diverso da quello scorso?


“Non vediamo l'ora di giocare la nostra prima partita, ci stiamo preparando per questa giornata da un mese e sono sicuro che riporteremo un buon risultato.  Vedrete, quest'anno sarà completamente diverso dall'anno scorso, siamo tutti molto fiduciosi”.


- In precampionato avete tenuto testa a due squadre di Serie A, che avete anche rischiato di battere. Come hai visto il gruppo? Sei soddisfatto del roster messo in piedi quest’anno dalla società?


“Ho visto la squadra molto bene fisicamente ed è ciò che conta di più in queste partite, abbiamo un ottimo gruppo sia fuori che in campo che è molto importante, un gruppo in cui l’uno aiuta sempre l'altro. Come ho detto prima, non possiamo non essere che molto fiduciosi per gli impegni che ci attendono”.


- Infine uno sguardo al girone. Molti considerano lo Sporting una delle favorite, tu sei della stessa idea? Quali potrebbero essere le antagoniste da cui guardarsi?


“Lo Sporting è sempre una squadra da battere, tutte vogliono batterci, quest'anno non sarà diverso ma dimostreremo che sarà difficile giocare contro di noi. Penso che nel nostro girone tutte le squadre possano arrivare in alto, ma dobbiamo stare più attenti con la Futura, il Giovinazzo, e poi Cosenza e Manfredonia, che sono squadre che sempre puntano ad arrivare in alto”.