Marco Vacca e il suo piano anti-Covid: ''Fermiamoci un paio di settimane, altrimenti sono problemi''

“Anche il 2022 ci regala una bella serie di gare rinviate a causa del Covid, ma la cosa allarmante che differenzia le varie ondate è che le precedenti avevano un tasso di contagiosità relativamente controllabile mentre la attuale, la omicron, è diventata impossibile da gestire con gli attuali mezzi a disposizione, ma è anche vero che con il vaccino gli effetti si sono notevolmente ridimensionati”.

L’analisi di Marco Vacca, presidente del Sardinia Futsal, fotografa nitidamente la situazione in cui versa il futsal italiano al cospetto della pandemia. E gli scenari che Vacca disegna non sono affatto rassicuranti.

“Ovviamente se nulla dovesse mutare a livello normativo - sostiene il popolare massimo dirigente cagliaritano - questa nuova ondata creerà una serie di scompensi al calendario rivoluzionando in toto lo stesso campionato, ma soprattutto le fasi eliminatorie e le successive Final Eight di Coppa. Provate ad immaginare se durante le Final Eight dovessero trovare in una squadra 3/4 atleti positivi… cosa potrebbe succedere se alcune squadre si presentassero con un roster limitato? Chiedono il rinvio? Rinunciano?Personalmente, in questa situazione, in cui anche stilare una classifica al termine dei gironi di andata sta diventando complicato per via delle tante gare bloccate per Covid, io fermerei la competizione, almeno in Serie B e A2, approfittando di quella sosta per recuperare le varie gare non disputate. E se questo trend non dovesse cambiare forse bisognerebbe cominciare a considerare, per i vaccinati, questa fase pandemica come endemica e muoversi come si farebbe con l’influenza, quindi far giocare chiunque fosse fisicamente nelle condizioni fisiche per poterlo fare, come si fa nei casi di comune patologie stagionali, in quanto non credo che entro questa stagione si possa sconfiggere questo subdolo, e spero ormai indebolito, virus. Sarebbe un’eresia”.

Dunque, attività da sospendere secondo Marco Vacca, per tenere sotto controllo la situazione. E nel frattempo?

“Suggerirei intanto due settimane di stop che consentano la riorganizzazione dei calendari, anche per evitare che le gare infrasettimanali diventino routine, provate a chiedere a chi deve giocare in Sardegna, magari di mercoledi o giovedi alle 19, ed ovviamente ripartire l’indomani… Non chiedetelo a me perché saprei perfettamente dirvi quante parolacce mi sono già uscite dalla bocca e quante ancora ho pronte nello zaino per le prossime settimane”.  

Sarebbero decisamente esaustive, caro Vacca!