Miti, sfida al Naonis. L'ex De Villagomez: "Sarà divertente ritrovare Criscuolo da avversario"

Dopo il pareggio beffardo in casa con il Manzano, la missione salvezza del Miti Vicinalis si è fatta più difficile, ma la squadra psicologicamente c'è, avendo riguadagnato quella fiducia e quella consapevolezza che avevano permesso di avviare la stagione in modo positivo. Snodo cruciale per la permanenza in Serie B sarà la partita di domani in casa del Naonis fanalino di coda: una sfida insidiosa, perché già all'andata i pordenonesi avevano dimostrato il proprio valore perdendo solo per 3-2, e ora, forti degli innesti di mercato invernale, sono riusciti a trovare i primi punti in cadetteria; fa infatti ancora rumore la vittoria neroverde di sabato scorso contro il Bissuola.

Per raccontare la vigilia di questo delicato incontro abbiamo scambiato due parole con il vice allenatore Giancarlo De Villagomez, che, data la squalifica di mister Del Negro, andrà a ritrovare la sua ex società (l'anno scorso per lui il ruolo di vice Criscuolo e anche una positiva esperienza con l'U21 dei friulani) dirigendo di persona le operazioni in campo dei giocatori vazzolesi. 

- Mister, come ti sembra che la squadra si stia avvicinando alla sfida con il Naonis, dopo il bruciante pareggio con il Manzano? Qual è lo spirito che si vive in spogliatoio?

"La squadra si è allenata bene durante la settimana. In realtà, tutti i ragazzi, sono sempre encomiabili per come interpretano l'impegno settimanale. Sicuramente il pareggio di sabato scorso brucia ancora, ma ci ha dato la consapevolezza di esserci. Forse per la prima volta in stagione non abbiamo mai mollato un secondo durante tutto l'arco della gara, e questo ci fa ben sperare per il finale di campionato. Questo è coinciso anche con la crescita dei più giovani nelle ultime settimane".

- Ironia della sorte, proprio contro la tua ex squadra, dovrai sedere in panchina non come vice, ma come sostituto di Del Negro squalificato. Come stai vivendo questa attesa del match, da un punto di vista emotivo? Sarà una sorta di scontro tra allievo e maestro quello con mister Criscuolo?

"Beh, la sorte ci vede sempre benissimo. Devo dire che sono molto tranquillo emotivamente. Tornare a Vallenoncello è sempre un piacere, perché ho bei ricordi della passata stagione. Con Beppe ci siamo sentiti anche in settimana. Mi ha fatto i complimenti per l'obiettivo raggiunto con l'U19 e io ho ricambiato per la loro vittoria con il Bissuola. Con lui ho avuto una bellissima e sana collaborazione l'anno scorso. Sicuramente sarà divertente sabato trovarci a pochi metri, ma come avversari. Nessuno scontro, anzi, una gara da goderci per 40 minuti".

- Che Naonis ti aspetti di trovarti davanti? Dopo che si sono rinforzati con il mercato invernale, sembra proprio che i neroverdi abbiano un piglio diverso in campo?

"Il Naonis a mio avviso è stato sempre competitivo dalla prima giornata di campionato. Probabilmente lo scotto con la nuova categoria e una rosa inizialmente corta non hanno permesso di raccogliere ciò che meritavamo. Morassi, Orellana e Volini hanno sicuramente completato l'organico. Spesso bastano pochi innesti giusti per permettere al resto della squadra di esprimersi al massimo. Il risultato col Bissuola è sicuramente il compimento di un percorso di crescita. Sabato sarà una gara molto intensa, considerata la posta in palio. Quindi, che vinca il migliore".


Ufficio stampa Miti Vicinalis