Miti Vicinalis, c’è spazio solo per una reazione d’orgoglio nella ripresa: a Merano festa Real Bubi

Anche la seconda trasferta stagionale in terra atesina non porta fortuna al Miti Vicinalis che nella quindicesima giornata del girone B di Serie B perde per 7-3 tra le mura amiche del Real Bubi Merano. Mentre i padroni di casa esprimono un buon gioco, forti anche di diversi uomini d’esperienza, la giovane formazione vazzolese fatica a incidere, forse perché ancora priva di quella cattiveria agonistica necessaria per arginare l’impeto degli avversari; solo verso la fine, approfittando di un Merano che sul 7-1 sembra aver già staccato la spina, i trevigiani tirano fuori l’orgoglio segnando altre due reti con Osmani che mettono un pizzico in agitazione i giocatori giallorossi. Con questo risultato il Vicinalis resta ancora penultimo, senza però vedere le rivali per la salvezza vincere sugli altri campi a eccezione del Manzano; il Real Bubi invece resta fermo a metà classifica.

LA CRONACA – Non bisogna aspettare molto perché la gara si sblocchi. Dopo poco più di due minuti, il Real Bubi Merano passa in vantaggio con la rete di Loris Tenca che trafigge Maccari. Il Miti però, sfiorato il pareggio con il mancato tap-in di Casagrande, trova effettivamente la rete dell’1-1 a 5’31” quando Peruzzetto chiude una triangolazione perfetta con Osmani senza lasciare scampo a Romanato. Gli atesini allenati dalla leggenda giallorossa Valdemir Beregula però si riporta in poco tempo in vantaggio con il timbro di Deilton a 7’45”, allungando sul 4-1 grazie agli acuti di Mustafov e Militello proprio agli estremi della seconda metà di frazione.

Nella ripresa avvio shock per i ragazzi guidati da mister Del Negro che in neanche quindici secondi vanno sotto sul 6-1; tra 1’02” e 1’13” infatti arriva la doppietta devastante di Trunzo che stordisce un avversario quasi mentalmente assente in campo. Incassati i due schiaffi atesini, tuttavia, il Vicinalis sembra rinsavire sfiorando il 6-2 su ripartenza di Zoccolan. Le occasioni davvero pericolose però scarseggiano dalle parti di Romanato che al contrario, a 3’54” assiste alla rete del 7-1 meranese a firma di capitan Mancin, che chiude un ribaltamento di fronte da manuale, avviato grazie a un disimpegno impeccabile. Il tempo scorre, il Real Bubi Merano sembra mollare un po’ la presa, così il Miti coglie la palla al balzo e accorcia sul 7-3: a 13’33” e 13’40” infatti Osmani fa doppietta, innervosendo un po’ la squadra bolzanina, contrariata per la propria superficialità. Ma tant’è, il conto alla rovescia sul tabellone procede senza ulteriori intoppi per gli atesini, costringendo invece il Vicinalis a mandare giù un altro boccone amaro.


REAL BUBI MERANO-MITI VICINALIS 7-3 (pt 4-1) 

REAL BUBI MERANO: Moufakir, Peloso, Mustafov, Bajdar, Tenca L., Trunzo, Tenca M., Mancini, Romanato, Puccio, Militello, Deilton. All. Beregula 

MITI VICINALIS: Maccari, Zaia M., Oshafi, Tomasin, Wade, Casagrande, Zoccolan, Qatani, Correa, Osmani, Peruzzetto, Franceschet. All. Del Negro 

ARBITRI: Cortese di Parma, Macca di Imola. Crono: Ali di Merano 

MARCATORI: pt 2'04" Tenca L. (RBM), 5'31" Peruzzetto (MV), 7'45" Deilton (RBM), 11'41" Mustafov (RBM), 19'28" Militello (RBM); st 1'02" e 1'13" Trunzo (RBM), 3'54" Mancin (RBM), 13'33" e 13'40" Osmani (MV) 

NOTE: ammoniti Osmani (MV) e Zaia M. (MV) per gioco falloso



Ufficio stampa Miti Vicinalis