New Team Lignano, 2-1 in rimonta sul Pasiano. Vozza: "Bene la ripresa". Sosa: "Tre punti importanti"

Nella decima giornata di Serie C friulana, la New Team Lignano ha vinto in rimonta con il Pasiano, ribaltando tra le mura amiche l'esito del primo tempo - 0-1 per gli ospiti -, grazie a una doppietta nella ripresa firmata da Sosa.

Questo è stato il commento a fine partita del tecnico gialloblù Salvatore Vozza ai microfoni dell'ufficio stampa lignanese.

“Nel primo tempo, come sempre - racconta l'allenatore -, ci è mancata anche un po’ di fortuna: anche se non giocavamo molto alti, cercavamo di tenere il controllo della partita, ma poi loro su calcio piazzato hanno sbloccato la gara. Nel secondo tempo abbiamo fatto molto bene; siamo avanzati applicando un buon pressing; poi le giocate dei singoli vengono fuori perché la qualità c’è”.

Nel secondo tempo, aspetto da sottolineare, ha trovato maggiore spazio la linea verde del club.

“Ci sono alcuni giovani molto interessanti, ma non voglio fare nomi per non scontentare nessuno. Lavoriamo con loro e lavoriamo anche con i più esperti che finalmente stanno dando una mano. Sono positivo e credo che potremo fare ancora meglio”.

Adesso Vozza pensa alla prossima sfida di sabato, lo scontro con la capolista Clark Udine.

“Giocare con la prima in classifica dà tanti stimoli, noi ci faremo trovare pronti. Questa gara con il Pasiano dimostra che di partite facili non esistono: abbiamo affrontato secondo me una squadra molto interessante, giovane e preparata”.

A prendere parola nel post partita ci ha pensato anche il grande protagonista della New Team, Jorge Sosa.

“Sono prima di tutto contento per la vittoria - commenta lo spagnolo - e poi per come ho aiutato la squadra. È vero che non abbiamo iniziato proprio bene la partita, ma poi con la freddezza e la lucidità siamo andati meglio, e grazie ai compagni, perché senza di loro mi sarebbe stato impossibile fare gol. Sono tre punti importanti: continuiamo a pensare partita per partita”.

In chiusura arrivano un elogio alle mosse del mister e un invito per tutta la squadra.

“Se il mister ha fatto la differenza tra primo e secondo tempo? Direi di sì; ha cercato di far uscire il carattere, nello spogliatoio ci ha parlato, tutti avevamo sbagliato perché stavamo dormendo. Lui ha cambiato il sistema e noi abbiamo capito come muoverci. Poi si è visto in campo, la squadra c’era, anche se è mancato un po’ di carattere: non possiamo dormire, dobbiamo sempre pensare che sia possibile vincere”.